Le croste sulla pelle sono un problema piuttosto comune e che può avere origini diverse. Scopriamo le più importanti e come comportarsi di volta in volta.

Quando si riscontrano delle croste sulla pelle, il primo impulso è quello di non farci caso. E tutto fin quando non aumentano o non accennano a non guarire. Le crosticine sulla pelle, infatti, possono essere la conseguenza di piccole lesioni che, in tal caso, scompaiono spontaneamente. Al contempo, però, possono indicare svariati altri tipi di problemi che è sempre bene approfondire.

Proprio per questo motivo, le croste sulla pelle, in dermatologia, possono essere sia lesioni poco importanti e delle quali non preoccuparsi che un problema da tenere sotto controllo.

Croste sul corpo: cosa fare quando si presentano

In genere, quando compaiono delle piccole croste sulla pelle che non accennano a sparire, la prima cosa giusta da fare è quella di rivolgersi al dermatologo.

croste
croste

Per prima cosa si deve infatti accertare che non si tratti di nei pericolosi sui quali si è poi formata una crosta. A ciò è importante unire indagini più approfondite che il dermatologo può già effettuare con una prima visita e che servono solitamente a comprenderne la causa.

Crosticine sulla pelle delle gambe così come le croste sulla schiena, ad esempio, possono essere indice di una dermatite in atto, mentre crosticine che desquamano e che non passano mai veramente possono essere il segno di cheratosi attinica, un problema della pelle che va curato per evitare che degeneri in altro.

Un’anamnesi precisa è quindi molto importante al fine di poter avere la giusta cura che sarà scelta ovviamente dal proprio medico in base a quanto riscontrato durante la visita.

Come curare le croste sulla pelle

Come accennato, il problema delle croste sulla pelle può avere cause diverse che pertanto necessitano di cure di vario tipo. Se per la dermatite si possono usare creme o in caso di allergie, evitare le fonti che le provocano, per la cheratosi attinica si possono mettere in atto delle terapie o dei micro interventi sulla pelle che servono a non far progredire il problema e ad eliminare localmente quelle visibili.

Ciò che conta è aver sempre cura della propria pelle e consultare il dermatologo ad ogni piccolo cambiamento. Il tutto ricordandosi le visite annuali, indispensabili per aver sempre sotto controllo il proprio stato di salute.

Riproduzione riservata © 2021 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 18-10-2021


Tipi di nei: quali sono i più comuni e come distinguerli tra loro

Tripofobia: da dove nasce e come si cura la paura dei buchi