La coxartrosi è una malattia infiammatoria cronica e a carico dell’articolazione dell’anca. Scopriamone di più e capiamo come riconoscerla.

Quando si parla di coxartrosi si intende un’artrosi all’anca data all’usura della cartilagine articolare.
Il termine artrite indica infatti un’infiammazione a carico della cartilagine e che solitamente si presenta per via del processo di degenerazione che si sviluppa con il tempo e che porta ad un assottigliamento della stessa. Tra le altre cause ci sono anche traumi nella zona, infezioni articolari e malattie congenite che interessano questa zona del corpo. Conoscere le cause, ovviamente, può aiutare sia nelle diagnosi che nella cura.

Coxartrosi: cos’è e come si cura

Se si parla di coxartrosi e di cos’è si può dire che si tratta di una malattia infiammatoria che riguarda la zona delle anche e che viene per una serie di cause spesso legate tra loro.

dolore anca
dolore anca

A sua volta può essere di natura semplice e quindi localizzata da una sola parte o su entrambe le anche. In questo caso si parla di coxartrosi bilaterale e, com’è facile intuire, i problemi che porta con se sono di entità maggiore. Inoltre è bene sapere che seppur raramente, la coxartrosi si può presentare senza cause precise e quando ciò avviene, prende il nome di coxartrosi idiopatica. Questo termine, infatti, indica l’assenza di cause riconoscibili.

Oltre che alle cause sopra citate, ci sono dei fattori di rischio che possono rendere la malattia più temibile. Tra queste ci sono la sedentarietà, la presenza di altre forme di artrite, il diabete e il sovrappeso. Prendersi cura di questi aspetti, aiuta sicuramente a diminuire le possibilità di andare incontro a questa forma di infiammazione. Quanto alle cure, queste sono solitamente di tipo conservativo. In casi più gravi, però, può rendersi utile anche l’intervento chirurgico.

Come riconoscere la coxartrosi

Per quanto riguarda coxartrosi e sintomi questi sono per lo più di tipo doloroso.
Si presentano con forti dolori all’anca che possono colpire la parte esterna, la zona del gluteo e a volte anche nella parte superiore della coscia. Inoltre si può avere anche un senso di rigidità articolare e di difficoltà nel movimento.

Se ci si trova davanti a questi sintomi è quindi molto importante rivolgersi al proprio medico curante in modo da fare una visita di controllo e tutti gli esami necessari per comprendere le possibili cause e arrivare eventualmente ad una diagnosi. In base alla gravità del problema, la coxartrosi si può dividere in stadi che vanno dal a primo al terzo e che aumentano in base all’entità dei dolori e all’ampiezza della zona colpita.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 07-08-2022


Klebsiella: cos’è, come si trasmette e quali sono i sintomi

Perdite bianche in gravidanza: da cosa dipendono e cosa significano