Come allenarsi con il caldo: consigli per un allenamento sicuro

In estate, quando le temperature diventano molto alte, è difficile fare sport, ma con qualche accortezza è possibile allenarsi con il caldo evitando colpi di calore e collassi.

chiudi

Caricamento Player...

In estate, specialmente quando le temperature superano abbondantemente i 30°, è davvero dura allenarsi con il caldo. Si rischiano colpi di calore e collassi, soprattutto se si corre all’aria aperta sotto il sole.

Il motivo è semplice: la naturale termoregolazione che ci permette di raffreddare il corpo con la sudorazione, quando la temperatura esterna è simile a quella corporea. Ovvero intorno ai 36°, smette di funzionare correttamente. Vediamo, allora, come allenarsi con il caldo in tutta sicurezza.

Come allenarsi con il caldo in estate

Allenarsi con il caldo

  • Innanzitutto, se andate a correre all’aria aperta, evitate gli orari più caldi. Preferite il mattino presto o la sera.
  • Se potete, allenatevi in acqua. Anche in estate molte piscine e stabilimenti balneari organizzano corsi di acquagym. In alternativa provate a fare da soli qualche semplice esercizio in acqua, basta anche camminare per mezz’ora.
  • Indossate sempre abiti sportivi in tessuti traspiranti e non troppo stretti. Se vi allenate all’aperto, indossate anche un berretto, gli occhiali da sole e la protezione solare.
  • Prima, durante e dopo l’allenamento è fondamentale idratarsi correttamente. Oltre ai classici 2 litri d’acqua al giorno, cercate di bere mezzo litro di acqua 2 ore prima di allenarvi, un bicchiere d’acqua subito prima di uscire e un sorso ogni 15 minuti durante l’esercizio fisico. Se non basta, potete ricorrere ad integratori di sali minerali.
  • Consumate sempre pasti leggeri, senza dimenticare mai frutta e verdura, ricchi di vitamine e sali minerali. Evitate gli alcolici il più possibile, soprattutto prima di allenarvi.
  • Se vi allenate all’aperto, scegliete un percorso all’ombra e portate con voi dell’acqua fresca non solo per bere, ma anche per bagnare frequentemente viso, testa e polsi nel caso non ci fossero fontane.