L’arancione nella cromoterapia: il significato e i benefici di questo colore

Il colore arancione è molto utilizzato in cromoterapia, per i suoi numerosi benefici. Scopriamo qual è il suo significato e quali sono i suoi effetti sul nostro organismo.

Il colore arancione nasce dall’equilibrata mescolanza di rosso e giallo, traendo da loro le principali caratteristiche. Nasconde in sé un’enorme carica di energia e di positività, ed è per questo molto utilizzato nella cromoterapia.

L’arancione è da molte culture considerato un colore di buon auspicio. Viene usato per i suoi comprovati benefici sia sul fisico che sulla psiche. Vediamo qual è il significato del colore arancione e quali sono i suoi utilizzi.

Colore arancione: significato

L’arancione è il colore dell’ottimismo, della positività e dell’autostima. Aiuta a ritrovare la fiducia in se stessi, a sviluppare la creatività e a stimolare l’indipendenza. Inoltre, favorisce la concentrazione mentale: non a caso i monaci buddisti indossano vesti arancioni, per elevarsi ad un livello di spiritualità superiore.

Questo colore elimina i sentimenti negativi e ci spinge ad un atteggiamento di intraprendenza e di apertura alla vita. Infine è legato al piacere e alla ricerca di esso, sia attraverso il fisico che attraverso la mente. Segna il punto di congiunzione tra corpo e coscienza.

I benefici del colore arancione

Arancione
Fonte foto: https://pixabay.com/it/ginkgo-albero-del-ginkgo-ramo-2136831/

Il colore arancione viene usato in cromoterapia per chi ha bisogno di ottimismo. È molto utile nelle persone che soffrono di depressione, portando allegria e positività nella loro vita. Questo colore ha anche benefici in soggetti che hanno subito dei traumi e che devono allontanare emozioni negative, con cui hanno difficoltà a fare i conti.

Chi si sente spesso stanco oppure ha perso la fiducia in se stesso, chi è bloccato dalla paura e dall’indecisione, chi invece è privo di entusiasmo e non trova più soddisfazione nelle piccole gioie della vita: tutte queste persone possono trarre grandi benefici sul piano psicologico dal colore arancione.

Sul piano fisico, invece, l’arancione – che è un colore caldo – stimola la circolazione del sangue e la pressione, allevia le tensioni muscolari e dona energia e vitalità. Inoltre stimola la respirazione profonda, riduce i disturbi provocati dall’intestino pigro e favorisce lo sviluppo del sistema immunitario.

Questo colore viene infine utilizzato per alleviare molti disturbi, tra i quali l’impotenza, la nausea e il vomito, l’arteriosclerosi, i dolori addominali e i problemi della tiroide.

Come usare l’arancione in cromoterapia?

Per ottenere il massimo dei benefici, provate a circondarvi di oggetti arancioni e ad indossare abiti di questo colore. Quando vi sentite di cattivo umore, può bastare un foulard arancione per risollevarvi d’animo e iniziare la giornata con il piede giusto.

Non sottovalutate poi l’importanza dell’alimentazione nella cromoterapia. Gli alimenti di color arancione sono strettamente legati alla vitamina C, essenziale per il benessere immunitario e per il buonumore. Quindi via libera ad arance, meloni, zucca, carote, mandarini e cachi!

Fonte foto: https://pixabay.com/it/ginkgo-albero-del-ginkgo-ramo-2136831/

ultimo aggiornamento: 14-11-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures