Impariamo a riconoscere i sintomi della cistite nei bambini e quali sono i rimedi naturali da mettere in campo per curarla velocemente.

La cistite nei bambini è un problema piuttosto comune ma che spesso può essere difficile da riconoscere a causa della mancanza di informazioni. Se presa per tempo, può essere facilmente curata anche con dei rimedi naturali. Motivo per cui imparare a riconoscerla fin dai primi sintomi è molto importante e, sopratutto, in grado di fare la differenza. Ecco quindi cosa c’è da sapere a riguardo.

Cistite nei bambini: i sintomi da riconoscere

Come capita spesso, i bambini non sono sempre in grado di spiegare come si sentono. E questo può portare a non riconoscere per tempo eventuali malattie o problemi di varia natura.

cistite bambini
cistite bambini

Nel caso della cistite, però, ci sono dei sintomi inequivocabili e che per questo possono essere riconosciuti con la semplice osservazione. Come riconoscere l’infezione urinaria, quindi? La cosa più importante è quella di imparare ad osservare i sintomi, che sono:

– Nervosismo
– Bruciore alla minzione
– Bisogno frequente di urinare
– Febbre
Stanchezza
– Dolore al fianco
– Urine di colore diverso
– Scarso appetito

In presenza di questi sintomi, il primo dubbio che ci si pone riguarda il come comportarsi. E, com’è facile immaginare, il primo passo è sempre quello di rivolgersi al proprio medico curante in modo da avere una diagnosi. Fatto ciò si potrà pensare agli eventuali rimedi.

Come curare la cistite nei bambini

Dopo la diagnosi che in genere avviene mediante l’analisi di un campione di urine, il medico potrebbe prescrivere degli antibiotici. Qualora il problema non fosse ancora in stato avanzato, è però possibile curare la cistite dei bambini con rimedi naturali. Il primo tra i tanti (e sempre più in uso anche tra gli adulti) è il D-Mannosio, da somministrare sempre dietro parere medico. È poi molto importante curare con maggior attenzione l’igiene dei piccoli e accertarsi che bevano a sufficienza.

Tra gli altri rimedi ci sono l’assunzione di piccole quantità di bicarbonato dopo i pasti, un’alimentazione con pochi zuccheri e poche sostanze acide ed il consumo di frutta e verdura. Tutte scelte che andranno ovviamente operate in accordo con il pediatra al fine di risolvere prontamente il problema.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 04-02-2022


Allenamento Tabata, il programma ad alta intensità per perdere i chili di troppo

Guaine contenitive: cosa sono e a cosa servono