Ottobre si tinge di rosa con la campagna di prevenzione del tumore al seno

Come ogni anno nel mese di ottobre riparte la Campagna Nazionale Nastro Rosa ideata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori e dedicata alla prevenzione del tumore al seno.

chiudi

Caricamento Player...

Molto è stato fatto, ma molto c’è ancora da fare, questa potrebbe essere la riflessione dalla quale partire per analizzare i dati più recenti che parlano di 37.000 nuovi casi all’anno in Italia di tumore della mammella.  Il 25% dei tumori femminili sono ascrivibili a questa patologia che colpisce 1 donna su 8 e il cui rischio aumenta in base all’età .

Quali sono le categorie più a rischio e i fattori che favoriscono l’insorgenza del tumore al seno

Gli studi medici hanno stabilito una correlazione tra gli ormoni femminili e la comparsa di questa malattia la cui insorgenza aumenta in maniera considerevole fino ai 50 anni. Dopo questa fascia di età subisce una diminuzione di casi fino alla ricomparsa durante la menopausa, anche se con un’incidenza minore.

Altri fattori che vengono considerati significativi sono quelli legati a casi di carcinoma al seno di parenti di I grado, la menopausa, l’obesità o  l’eccessivo consumo di alcol.

Come posso prevenire il tumore al seno.

La prevenzione dei tumori, viene suddivisa in primaria, secondaria e terziaria. La prima di queste individua i potenziali fattori di rischio legati all’insorgenza di ogni specifico tumore e indirizza le persone verso un corretto comportamento. Per quanto concerne il cancro al seno non è ancora stata individuata una vera prevenzione primaria, tuttavia l’attività fisica e un maggior consumo di verdure e frutta fresca  svolge un ruolo protettivo nei riguardi di questa malattia.

L’importanza della diagnosi precoce per i carcinomi

Di fondamentale importanza oltre alla prevenzione primaria è sicuramente la prevenzione secondaria, ovvero una diagnosi precoce, che per il tumore al seno in età giovanile consiste nell’autopalpazione, mentre dopo i quarant’anni vuol dire recarsi da uno specialista. Una diagnosi precoce, molto spesso, fa la differenza fra la vita e la morte: in questo tipo di carcinoma, infatti, le possibilità di sopravvivere, se diagnosticato in tempo, sono altissime ed è per questo motivo che la LILT , ormai da anni, promuove la campagna “Nastro Rosa”.

La Campagna nastro rosa per la prevenzione al seno.

Questa iniziativa, promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, prevede per il mese di ottobre distribuzione di materiale informativo e una serie di eventi volti a sensibilizzare sempre di più le persone sull’importanza di una diagnosi precoce. La sede Centrale e le Sezioni Provinciali della LILT , inoltre, mettono a disposizioni i loro ambulatori per delle visite senologiche gratuite per tutto il mese.

Fonte foto:https://pixabay.com/it/photos/?q=seno&hp=&image_type=&cat=&min_width=&min_height=