Il calcolo del periodo fertile è un metodo che aiuta a capire quali sono i giorni in cui un rapporto potrebbe portare ad una gravidanza. Scopriamo come eseguirlo.

Imparare a fare il calcolo del periodo fertile è utile per comprendere quali sono i giorni fecondi. Quelli, cioè, in cui è possibile restare incinta in seguito ad un rapporto.
Si tratta di un metodo molto usato e che si attua attraverso un calendario dell’ovulazione, utile per tenere sotto controllo l’andamento del ciclo mestruale.

Come calcolare i giorni fertili

Quando si parla di ciclo mestruale non si intendono i soli giorni del mestruo ma l’intero ciclo (solitamente di 28 giorni) che è formato da varie fasi.

Calcolo periodo fertile
Calcolo periodo fertile

Queste sono la pre ovulatoria (che dura solitamente 14 giorni), quella ovulatoria (che in genere ha la durata di 24 ore) e quella post ovulatoria (che dura altri 14 giorni). Com’è facile intuire, il così detto periodo fertile è quello che si concentra subito prima e immediatamente dopo la seconda fase, ovvero quella ovulatoria. Questo arco di tempo ristretto varia da donna a donna ma si aggira sempre entro i 5 giorni prendendo appunto quelli immediatamente prima e quelli successivi all’ovulazione.

Se si ha un ciclo regolare, quindi, è possibile tenere un calendario dei giorni fertili in modo da capire com’è l’andamento mensile e imparare a prevedere un calcolo dei giorni fertili per rimanere incinta.

Come eseguire il calcolo in modo corretto

Come già accennato, per far si che il calcolo dei giorni fertili sia fatto nel modo corretto è indispensabile partire da un ciclo ormonale regolare e non altalenante.
In questo modo, basta iniziare il calcolo dal primo giorno del mestruo per stimare quando avverrà la prossima ovulazione. Anche la temperatura basale può essere un buon parametro da considerare in quanto, in prossimità della stessa, tende ad aumentare leggermente. Infine, è possibile controllare il muco cervicale che nella maggior parte delle donne, in quei giorni, diventa abbondante e cambia consistenza diventando viscoso.

Esistono anche dei calcolatori online e delle app studiate appositamente che aiutano ad effettuare questo calcolo. Al di là di tutto, però, è importante ricordarsi che il semplice eseguirlo non offre alcuna garanzia di riuscita. E ciò vale sia per chi cerca una gravidanza che per chi desidera evitarla.
Anche chi ha un ciclo regolare, può infatti andare incontro ad un mese di sbalzi ormonali e quindi in grado di ribaltare tutto.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 21-05-2022


Farmaci equivalenti all’aspirina, quali sono: c’è differenza con l’originale?

Mal di mare: come godersi il viaggio senza maledire la barca