Qual è il compito delle api ventilatrici? Scopriamo il ‘mestiere’ di questo importante insetto e come si comporta nei confronti dell’alveare.

Anche se molti ignorano la loro esistenza, le api ventilatrici sono di vitale importanza per l’intero alveare. Si distinguono dalle altre perché hanno un battito delle ali molto potente, in grado di abbassare la temperatura. Scopriamo, nello specifico, cosa fanno e come si comportano nei riguardi degli altri insetti.

Api ventilatrici: chi sono e cosa fanno?

Le api ventilatrici hanno un compito molto importante, ovvero regolare la temperatura nell’alveare. Grazie al potente battito delle loro ali, questi insetti ventilano sui favi per due motivi specifici: rinfrescare la covata e favorire la maturazione del miele. Non solo all’interno, spesso attaccati alle pareti, ventilano anche all’esterno dell’arnia in modo da creare una corrente d’aria in grado di rendere meno caldo l’alveare.

Sono talmente intelligenti che capiscono da sole quando entrare in azione, cioè quando i raggi del sole rischiano di sciogliere la cera di cui sono fatti i favi. Le api ventilatrici si mettono a lavoro anche quando si rendono conto che all’interno dell’alveare c’è troppa umidità. In casi come questi, il loro compito è favorire il più possibile il prosciugamento del nettare, in modo da accelerarne la trasformazione in miele.

Compiti delle api: cosa fanno?

In tutto il mondo, tranne che in Antartide dove non potrebbero mai vivere, ci sono circa 20,000 specie di api. Questi insetti, che qualcuno scaccia in modo violento, sono indispensabili per la vita del pianeta perché, attraverso la raccolta del nettare, si occupano dell’impollinazione dei fiori e delle piante. Non a caso, a prescindere dal loro compito, le api sono considerate il cuore pulsante della terra. Senza di loro, molti specie vegetali scomparirebbero, creando notevoli problemi alla catena alimentare.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 04-09-2022


Criosauna: se sopportate bene il freddo, è un trattamento che apporta tanti benefici

Colecistopatia alitiasica: riconoscere subito i sintomi evita dolori fortissimi