L’uso dell’aloe in gravidanza è da sempre molto dubbio per i pareri discordanti che ci sono in merito. Scopriamo cosa c’è da sapere per non sbagliare.

Quando si parla di uso dell’aloe in gravidanza, la prima cosa da sapere è che questa è disponibile sia in forma di succo che di gel. Allo stesso modo la si può assumere per bocca (ad esempio per ottenere un effetto lassativo) o usare come crema al fine di limitare arrossamenti o bruciori.
Si tratta, insomma, di una sostanza che ha diversi impieghi, alcuni dei quali sono sconsigliati in gravidanza.

Aloe in gravidanza: cosa c’è da sapere

Come già accennato, l’uso dell’aloe vera in gravidanza è sconsigliato per la presenza degli antrachinoni, delle sostanze che stimolano le contrazioni dell’intestino e che sono responsabili degli effetti lassativi dell’aloe.

aloe vera
aloe vera

Effetti che, in genere si hanno nel giro di poche ore ma che in caso di gravidanza sono solitamente da evitare. Quando si è in dolce attesa, infatti, è sempre meglio evitare simili effetti. E, anche a livello lassativo sono più indicate sostanze emollienti che andrebbero decise sempre in accordo con il medico.

Aloe vera in gravidanza: uso esterno

Al contrario di quanto detto per l’uso orale, l’assunzione dell’aloe vera per uso esterno non è sconsigliata. Anzi, a differenza di diversi farmaci utili per gli stessi scopi è consigliata in quanto si tratta di un ingrediente naturale. L’aloe sotto forma di gel è infatti utile per lenire arrossamento e bruciori, per alleviare scottature solari e per ridurre i danni provocati dalle punture di insetti.

Per usarla basta applicarne una piccola quantità nella zona che presenta il problema. Dopo un leggero massaggio, in genere, si inizia a provare un’immediato sollievo al quale segue quasi sempre una riduzione dell’eritema o del problema per cui si è scelto di usarla.

Si tratta quindi di un rimedio molto utile e da tenere sempre con se in quanto utile in diversi frangenti. Quanto alle controindicazioni, infatti, a meno di non essere allergici all’aloe stessa è davvero difficile che questa provochi degli effetti collaterali importanti. Altro motivo per cui è spesso consigliata in gravidanza. Detto ciò, prima di usarla è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico curante.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 11-05-2022


Dolore all’ombelico: da cosa dipende e come agire quando si presenta

Che cos’è la vulvodinia, la sindrome che provoca dolore pelvico cronico