Scopriamo insieme qualcosa di più sull’aloe arborescens e sulle sue proprietà curative. Ecco quali sono le più importanti.

Tra i rimedi naturali universali ed in grado di fare la differenza, l’aloe arborescens è sicuramente uno dei più noti. Pianta forte e ricca di proprietà, viene spesso impiegata sia come succo da bere che come gel da applicare sul corpo. Ecco quindi cosa è importante sapere sull’aloe arborescens e le sue proprietà curative.

Come agisce l’aloe arborescens sui malanni

L’aloe è una pianta che fa parte della famiglia delle Aloacee e della quale esistono tantissime varietà. Tra queste, una delle più importante è quella dell’aloe arborescens di cui fa parte anche l’aloe vera.

aloe arborescens
aloe arborescens

Una pianta che è così ricca di proprietà benefiche da essere considerata alla stregua di un salva vita.
Che si tratti di succo di aloe arborescens o di aloe vera o del suo gel, i benefici per l’organismo sono infatti davvero tanti. Tra questi ricordiamo:

– È antinfiammatoria
– Protegge l’apparato gastrico
– Fa bene all’intestino
– Cura le mucose dello stomaco
– Ha proprietà lenitive
– Dona energia
– È un potente cicatrizzante
– Allevia i sintomi da reflusso esofageo
– È lassativa
– Allevia i sintomi da colon irritabile
– È un ricostituente
– Contribuisce ad idratare la pelle
– Rafforza l’organismo
– Ha proprietà antitumorali
– Combatte i radicali liberi
– È un antivirale
– Favorisce la digestione
– Allevia l’insonnia
– Fluidifica il sangue
– Fa bene al fegato
– Fa bene al cuore
– Disintossica l’organismo
– Allevia l’artrosi

A dirla tutta, i benefici di questa pianta sono praticamente infinita. Ad essi se ne aggiungono infatti anche di minori come l’aumento dell’appetito, la riduzione dell’alitosi e dell’asma, la riduzione della cistite, etc…

Aloe arborescens e controindicazioni

Ovviamente, come per ogni prodotto esistente in natura o creato in laboratorio, anche l’aloe arborescens presenta delle controindicazioni. In soggetti sensibili, il suo consumo potrebbe portare ad effetti lassativi che in caso di regolarità intestinale possono essere seccanti. Inoltre se assunta in quantità abbondanti, può portare a crampi di stomaco. È infine da evitare qualora si fosse allergici al composto attivo.

Detto ciò, si tratta di controindicazioni che si verificano davvero di rado e che sono da considerare nettamente infinitesimali se paragonati agli effetti positivi di questa pianta dalle tante qualità.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 04-10-2022


Piressia: di cosa si tratta e quali sono i sintomi

Lupus, cause e sintomi: lo stile di vita è fondamentale