L’abbassamento della vista è un fenomeno che può presentarsi gradualmente o all’improvviso. Scopriamo quali sono le differenze e come comportarsi.

Parlare di abbassamento della vista significa indicare una maggior difficoltà di visione e che spesso si manifesta nella lettura. Questa può essere “normale”, in quanto legata all’età e quindi progressiva, o repentina e, di conseguenza, più pericolosa. È quindi molto importante imparare a distinguere tra i due fenomeni al fine di agire nel modo corretto e senza causare ulteriori danni alla vista.

Cosa succede quando si ha un calo improvviso della vista

L’abbassamento della vista improvviso non è mai un fenomeno da sottovalutare.

problemi vista
problemi vista

In genere, si verifica nel giro di pochi minuti e tende a durare per diversi giorni. Un campanello d’allarme a cui è importante prestare attenzione rivolgendosi al medico o, se necessario, al pronto soccorso. Soffrire di vista sfocata improvvisa può infatti dipendere da cause anche importanti e che necessitano di un intervento immediato.

Questo, ovviamente, non significa allarmarsi all’istante. A volte un calo improvviso della vista può essere causato dalla stanchezza degli occhi, da uno sfregamento troppo forte degli stessi o da movimenti repentini come quello di alzarsi all’improvviso dal divano. A fare la differenza è generalmente la durata del fenomeno. Se la vista torna nel giro di poco, molto probabilmente non era nulla di grave. Se il calo persiste anche nelle ore successive, invece, può essere il segno che è meglio rivolgersi al medico.

Abbassamento della vista: cause e cure

Davanti ad un calo della vista repentino, le cause più comuni possono essere dei danni alla cornea dovuti magari a delle infezioni o dei traumi che hanno portato ad un distacco della retina. In alcuni casi, tra le cause possono esserci traumi alla cataratta o episodi di glaucoma acuto.

Si tratta sempre di situazioni che andrebbero trattate tempestivamente. Per questo motivo, il consiglio è quello di rivolgersi subito al medico o all’oculista in modo da preservare la vista e agire subito con eventuali cure.

In alternativa, ovviamente, se il calo non è repentino si può intervenire con più tranquillità ma sempre senza perdere troppo tempo. Solo così si potranno evitare peggioramenti e contare su una capacità di visione il più possibile ottimale.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 29-04-2022


Epatite acuta: di cosa si tratta e come si cura (soprattutto nei bambini)

Corde vocali infiammate: come combattere la cordite?