Scopriamo qual è la verdura di stagione di settembre e come cambiano i prodotti in questo mese, a cavallo tra estate e autunno.

Settembre segna la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno e proprio per questo tra la verdura di stagione possiamo trovare prodotti tipici dell’estate e i primi ortaggi autunnali. come per esempio i fagioli o il sedano rapa, ma anche le carote e la rucola. Scopriamo quali sono le tante varietà di questo particolare periodo e quali sono le caratteristiche di ciascun prodotto.

I fagioli e fagiolini

Un classico della verdura di stagione di settembre sono fagioli e fagiolini che, nonostante il nome, appartengono a due famiglie diverse. I fagiolini infatti sono delle leguminose e sono state importate in Europa a seguite della scoperta dell’America. Sono perfetti per preparare zuppe e minestroni e sono anche buoni per la salute, soprattutto grazie al contenuto di proteine e fibre. I fagioli aiutano a mantenere costante il peso corporeo e sono una grande fonte di minerali come calcio, fosforo, potassio, magnesio, ferro, zinco e rame. E non va dimenticato l’apporto delle vitamine del gruppo B.

Fagiolini
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/fagiolini-verdi-vendemmia-vegetale-1018624/

A differenza del fagiolo, il fagiolino viene assimilato alla famiglia degli ortaggi visto che si raccolgono quando non sono maturi e si possono consumare con o senza buccia. Anche i fagiolini sono un’ottima fonte di nutrienti e sono un alimento a basso contenuto calorico, il che lo rende perfetto per le diete. Contiene inoltre molte vitamine del gruppo A, sali minerali, ferro e potassio. Tuttavia rispetto ai fagioli ha percentuali molto più basse di proteine.

Il sedano rapa

Il sedano rapa è un ortaggio abbastanza insolito, ma che è tipico della stagione di settembre. Generalmente di consuma la radice, che ha una forma bitorzoluta e leggermente oblunga. La superficie esterna del sedano rapa e color marrone chiaro, mentre l’interno è bianco e ha delle foglie simili a quelle del sedano.

sedano rapa
sedano rapa

In ogni caso questa tipica verdura della stagione di settembre è molto ricca di acqua e sali minerali come magnesio, potassio e ferro. Inoltre contiene pochissime calorie e ha un alto potere depurativo, tanto che è ottimo per eliminare il catarro. Si rivela molto utile anche per la stitichezza e contrasta naturalmente calcoli renali e reumatismi. La radice di sedano rapa può essere consumata in diversi modi come in insalate, minestre, cruda e cotta.

Le carote

Durante il mese di settembre è ancora possibile trovare le carote. Si tratta di un ortaggio che è fonte per eccellenza di vitamina A, utilissimo per la salute della pelle e della vista. Dobbiamo dire però che e carote ormai sono disponibili tutto l’anno, ma in particolare sono quelle da orto che maturano durante il periodo estivo.

In ogni caso le carote hanno un basso apporto calorico e sono ottime per gli spuntini grazie al loro potere saziante e sono anche facilmente digeribili. Inoltre, se consumate crude, sarà possibile mantenere tutte le proprietà nutritive dell’ortaggio, e quindi sarà possibile assimilarle al meglio.

La rucola

La rucola è una verdura tipica della stagione di settembre e si distingue per il gusto e la consistenza molto delicate. Quest’insalata infatti dura al massimo due giorni in frigorifero e se si vuole conservarla più a lungo bisogna adottare particolari sistemi. Ad esempio se avete le foglie è meglio chiuderla in un sacchetto di plastica bucherellato.

Se invece avete acquistato la rucola compresa di radici sarebbe meglio avvolgere queste ultime in un foglio di carta inumidito. In più se si conserva la rucola in acqua, avendo cura di cambiarla ogni giorno, durerà più a lungo proprio come i fiori recisi. La rucola è una verdura molto ricca di vitamina C e sali minerali, possiede anche proprietà antiscorbutiche, stimola l’appetito e la digestione. Inoltre ha un’azione benefica sul fegato e contrasta la formazione di gas nell’intestino.

TAG:
chiedilo alla nonna vetrina

ultimo aggiornamento: 03-09-2020


Frutta di stagione di settembre: scopriamo i primi profumi d’autunno

Umeboshi: proprietà e usi delle prugne giapponesi