Scopriamo quali sono i prodotti caratteristici del mese di ottobre e quali sono le loro proprietà, fondamentali per prepararsi all’arrivo dei mesi più freddi.

Ottobre, oltre alla sua verdure di stagione, porta con sé le prime avvisaglie dell’autunno e dei mesi più freddi. Tra i prodotti che ritornano sulle tavole possiamo infatti trovare moltissime verdure a foglia come radicchio, spinaci, cavolo e cicoria. Ma ottobre è anche il mese delle carote e della zucca, vera regina di questo periodo. Vediamo quindi di scoprire quali sono le verdure di stagione di ottobre e quali sono le loro proprietà e benefici.

Le carote: il giusto apporto di vitamine

Tra la verdura di stagione di ottobre possiamo sicuramente trovare le carote, tubero ricco di beta carotene e vitamina A. Questo alimento porta molti benefici al nostro organismo, aumentando le difese del sistema immunitario e aiutando a preservare importanti tessuti come occhi, pelle e ossa.

A differenza di altri alimenti, i nutrienti contenuti nelle carote sono resistenti alla cottura, il che li rende ottimi per integrare vitamine e minerali nella dieta. Bisogna però ricordare che se la cottura è troppo lunga, o se si sceglie di friggere, la carote perde quasi tutte le sue qualità, il che sarebbe un vero peccato.

In ogni caso questa verdura di stagione di ottobre contiene anche vitamine dei gruppi B, E, D e PP, oltre a minerali e antiossidanti naturali. Inoltre la carota svolge funzioni simili a quelle degli ormoni femminili, proprio per questo viene consigliata per stimolare la produzione di latte materno.

La regina d’autunno: la zucca

La zucca è sicuramente la regina della tavola quando si parla di verdura di stagione di ottobre. Giunta fino a noi grazie a Cristoforo Colombo, la zucca era inizialmente utilizzata per nutrire bestiame suino. Successivamente si sono scoperte le sue qualità, come il basso contenuto di calorie, grassi e sodio, senza considerare l’alta concentrazione di fibre e vitamine.

Verdura stagione ottobre
Verdura stagione ottobre

Per tutti questi motivi viene utilizzata come alimento nelle diete e per trattare problematiche di stitichezza. Inoltre la zucca è tra le verdure di stagione di ottobre più ricca di sali minerali quali ferro e potassio, fondamentali per il buon funzionamento dell’organismo.

Cavolo e radicchio

Ecco altri due alimenti tipici del periodo di ottobre, molto ricchi di nutrienti e vitamine. In particolare il cavolo, in tutte le sue varianti, contiene alte concentrazioni di potassio e vitamine C e B9. Questo lo rende un prodotto a basso impatto calorico e che conferisce un alto senso di sazietà. Proprio per questo è largamente utilizzato nelle diete, soprattutto quelle ipocaloriche.

Anche il radicchio può vantare un basso contenuto di calorie, grazie al fatto che è costituito dal 90% d’acqua. Ciononostante ha un alto apporto di nutrienti, sali minerali e fibre. Le caratteristiche nutrizionali di questa verdura di stagione di ottobre conferiscono al radicchio proprietà diuretiche e detox.

Inoltre grazie alla presenza di polifenoli questo alimento è un vero e proprio antiossidante naturale. In ogni caso è importante ricordare che se si sceglie di cuocere il radicchio questo perde molti dei suoi nutrienti, perciò è consigliabile consumarlo crudo.

Cicoria e spinaci

Tra la verdura di stagione di ottobre a foglia, oltre a cavolo e radicchio, possiamo anche trovare la cicoria e gli spinaci. La cicoria ha sempre rappresentato un alimento legato alla tradizione contadina e povera, soprattutto per il fatto che questo alimento cresce spontaneamente in natura.

Solo recentemente è stata sdoganata e introdotta a pieno regime sulle nostre tavole. In ogni caso la cicoria è caratterizzata da un sapore amaro, dovuto alla presenza di cicorina, largamente utilizzata anche per produrre liquori. Ma nonostante il gusto, la cicoria può vantare proprietà diuretiche e di supporto per l’attività intestinale.

Gli spinaci invece sono una delle verdure più ricche di ferro, ma solo se mangiati correttamente possono offrire tutti i loro benefici. Infatti il modo migliore per incamerare più ferro possibile è quello di consumarli conditi con il limone. Questo perché l’acido ascorbico contenuto in questi frutti permette di assimilare e fissare in maniera più efficacie il ferro nell’organismo.

I ceci e fagiolini

Nel mese di ottobre possiamo trovare anche questi due prodotti, vero e proprio must di questo periodo. I ceci, come tutti gli altri legumi, sono ricchi di proteine, sali minerali e fibre, ma a differenza di altre tipologie sono molto calorici. In ogni caso i ceci sono ricchi di acido linoleico, fondamentale per regolare il metabolismo del colesterolo.

Infine troviamo i fagiolini, che dal punto di vista nutrizionale si distinguono di gran lunga dai fagioli. Infatti questa verdura di stagione di ottobre viene raccolta e consumata prima che i semi interni maturino e, per questo motivo, contengono meno calorie, proteine e carboidrati. Al tempo stesso però sono un’ottima fonte di fibre e vitamina A, il che li rende perfetti per ogni tipologia di dieta.

TAG:
dieta

ultimo aggiornamento: 28-09-2020


Dieta della longevità: cosa mangiare per vivere più a lungo?

Sì, dimagrire dormendo è possibile! Ecco come perdere peso durante la notte