La canapa è una pianta dalle infinite potenzialità. Utilizzata sin dall’antichità per scopi terapeutici, nei primi anni del Novecento era elemento indispensabile per l’industria tessile.

Poi, il suo impiego anche come stupefacente ha fatto cadere su di essa un proibizionismo totale che ha impedito, per lungo tempo, di poter apprezzare tutti i benefici che questa pianta è in grado di offrire.

Soltanto di recente, grazie a numerose ricerche e prove scientifiche, è emerso che la canapa non è tutta da condannare, in quanto gli effetti terapeutici che può produrre la fanno rientrare tra i rimedi naturali più efficaci e, soprattutto, senza effetti collaterali.

Una legge del 2016 ha fissato, in Italia, i limiti della legalità per la commercializzazione dei suoi derivati così che sono aumentati a dismisura negozi fisici e piattaforme online. Tra i tanti spicca JustBob.it dove è possibile acquistare cannabis legale.

Da qui, sono diversi gli studi scientifici finalizzati a comprovare gli effetti benefici della cannabis e dei suoi principi attivi per il trattamento terapeutico di numerosi disturbi psicofisici.

Scopriamo meglio cos’è il CBD, come si assume e in che modo può contribuire a ritrovare benessere e relax.

Olio di CBD: come si ottiene e a cosa serve

L’olio di CBD è un concentrato che si ottiene dall’estrazione del CBD dalla cannabis.

La pianta di cannabis è presente in natura in 3 specie ma, in seguito a modificazioni in laboratorio, oggi se ne contano oltre 1000 varietà contenenti quantitativi differenti dei principi attivi naturali.

Tra questi, chiamati cannabinoidi, il più rilevante ai fini terapeutici è il CBD, o Cannabidiolo, un principio non psicoattivo che produce effetti benefici senza interferire con la psiche e senza causare gli effetti collaterali dati dall’assunzione di marijuana per scopi ricreativi (quella che contiene, invece, alte concentrazioni di THC o tetraidrocannabinolo e che provoca effetti psicotropi).

Da un’unica pianta è possibile ottenere diversi elementi da impiegare nei vari settori commerciali, tutti caratterizzati dalle proprietà benefiche che presentano. 

Per tale motivo è opportuno sottolineare che quando si parla di olio di cannabis, bisogna distinguere l’olio dei semi di canapa dall’ olio di CBD, dal momento che vengono estratti da due parti differenti della pianta, vengono impiegati in settori diversi e producono altrettanti effetti diversi.

L’olio di CBD viene estratto dalle infiorescenze della cannabis e la sua composizione chimica lo rende adatto all’impiego nel campo terapeutico, grazie alla connessione tra CBD e recettori del sistema nervoso.

Quando il CBD entra in circolo nel corpo umano è in grado di produrre numerosi effetti benefici, sia a livello mentale, andando a stimolare i recettori responsabili di funzioni vitali, sia a livello fisico, grazie alle sue comprovate proprietà antinfiammatorie e analgesiche.

Non essendo psicoattivo, di conseguenza, non ha effetti psicotropi e non provoca effetti collaterali né assuefazione o dipendenza.

Con l’olio di CBD si possono trattare tantissime problematiche e ritrovare il benessere in tempi brevi.

Tra queste, studi scientifici hanno rilevato importanti effetti rilassanti nel trattamento di stress, ansia, depressione, attacchi di panico, insonnia, disturbo ossessivo compulsivo ma anche per disturbi che provocano dolori cronici come artrite reumatoide, cervicale, dolori post terapia chemioterapica, infiammazioni muscolo scheletriche e anche dolori mestruali.

I benefici dell’olio di CBD: la parola della scienza

Numerosi studi e ricerche accurate sono state svolte sia su topi che su gruppi di persone al fine di provare l’effettiva efficacia del CBD per ristabilire gli equilibri psicofisici e donare relax in situazioni compromettenti. 

È il caso degli esperimenti volti a confermare la capacità dell’olio di CBD di aiutare a controllare l’ansia e il panico nei soggetti affetti da disturbo di ansia sociale.

Tali effetti benefici sono stati registrati anche con l’impiego di olio di CBD per il trattamento di insonnia e ansia in bambini affetti da disturbo da stress post traumatico, comprovando in questo modo la sua efficacia senza effetti collaterali anche nei pazienti più piccoli.

Infine, studi di laboratorio sui topi, hanno permesso di confermare che il CBD aiuti anche a controllare l’aggressività e abbia un’importante funzione come antidepressivo, effetto dovuto al fatto che le molecole del composto attivano i recettori 5-HT1A, responsabili della produzione di serotonina e quindi della produzione del cosiddetto ormone della felicità.

Olio di CBD: Assunzione e quantità per garantire il benessere

Il CBD sotto forma di olio è il formato più utilizzato per la sua facilità di utilizzo e applicazione.

Esso infatti può essere introdotto nel corpo sia attraverso l’epidermide, svolgendo un massaggio sulle parti doloranti per un effetto mirato, oppure in modalità sublinguale per un assorbimento più rapido ed effetti maggiori. Tuttavia, in Italia, non è stato ancora chiarito se quest’ultima forma sia permessa, quindi sulle etichette degli oli di CBD, compresi quelli che trovi su JustBob.it, sarà segnalato il divieto di assunzione per via orale del prodotto, con conseguente liberazione di rivenditori e produttori da ogni responsabilità al riguardo.

La quantità è determinata dalle esigenze del caso. Per garantire benessere quotidiano e rilassarsi in momenti di stress, è sufficiente assumere una piccola dose che aiuta a mantenersi lucidi, concentrati e attivi nell’arco della giornata.

Nel caso in cui, invece, sia finalizzato al trattamento di patologie di natura psicofisica, allora è opportuno rivolgersi ad un medico competente che determinerà la posologia adeguata ad ogni circostanza.


Disidratazione: come riconoscerne i sintomi e quali sono i rischi

Sindrome di Charge: cos’è e come si riconosce