Le transaminasi alte indicano possibili problemi all’organismo. Scopriamo quali sono le cause più comuni e come agire.

Soffrire di transaminasi alte può indicare problemi di vario tipo che vanno da un’infiammazione a problemi al fegato. Per questo motivo, i valori delle transaminasi rientrano tra gli esami più comuni di controllo che è importante effettuare almeno una volta l’anno. Se nella maggior parte dei casi, una minima alterazione può essere normale o legata a problemi di poco conto, in caso di alt alte possono esserci anche problematiche che è importante indagare al fine di trovare la giusta cura.

Transaminasi gpt alte: cosa significa

Le transaminasi alt o gpt (transaminasi piruvica), misurano i valori di un enzima del fegato che serve per metabolizzare le proteine.

transaminasi
transaminasi

Quando questo è in sofferenza, i valori tendono ad alzarsi lasciando già intuire la presenza di un problema. Un gpt alto, quindi, può indicare una possibile lesione o un problema al livello del fegato. Allo stesso modo, anche le transaminasi got alte possono indicare un problema al fegato. È quindi sempre importante effettuare un controllo delle transaminasi completo al fine di avere un quadro più preciso della situazione.

Transaminasi alte: le cause da riconoscere

Al di là delle varie categorie di appartenenza, le transaminasi alte possono essere ricondotte a diverse cause. Tra queste ci sono:

– Le allergie alimentari
– L’epatite
– La celiachia
– L’ipotiroidismo
– La cirrosi epatica
– I calcoli alla cistifellea
– La malattia di Wilson
– La mononucleosi
– Il tumore al fegato

Ovviamente, ci sono diverse alte malattie che possono portare ad un aumento delle transaminasi. Motivo per cui, una volta ricevuto il referto è sempre molto importante mostrarlo al medico che ne ha fatto richiesta.

Spesso dei valori mediamente alti possono non portare a cambiamenti importanti. In caso di transaminasi altissime, i sintomi iniziano però a mostrarsi e sono solitamente la perdita di appetito, il colorito giallastro, le urine scure, la debolezza generalizzata e le feci chiare.

Anche in questo caso, ci sono molti altri sintomi che possono indicare il problema e che è quindi importante valutare con il proprio medico curante al fine di risalire al problema scatenante e risolverlo con la giusta terapia.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 29-07-2022


Semi di zucca e prostata: tanti i benefici, ma attenzione alle quantità

Somatotropina: di cosa si tratta e che effetti ha