Quali sono le tonalità di biondo? Dal platino al cenere, passando per il vaniglia: scopriamole tutte e vediamo come scegliere la tinta.

Il biondo è uno dei colori più gettonati di sempre. Dalle ragazze giovani alle signore anziane, passando per la cosiddetta mezza età: tutte desiderano avere una chioma alla Marylin Monroe. Eppure, quando si trovano davanti alle tonalità di biondo, la scelta appare a dir poco ardua. Vediamo quali sono le colorazioni più gettonate e come scegliere quella più adatta.

Tonalità di biondo: quali sono?

I tipi di biondo sono diversi, per cui quando si decide di cambiare colore di capelli può essere difficile scegliere. Innanzitutto, è bene chiarire che quella che può sembrare una scelta banale non lo è affatto. Basta anche una sola tonalità per creare un disastro. Pertanto, prima di procedere con la tinta, è bene farsi consigliare da un parrucchiere esperto. Fatta questa breve ma doverosa premessa, scopriamo tutti i tipi di biondo. Non possiamo che partire dal classico, ovvero il biondo brillante che l’indimenticabile Marylin Monroe amava alla follia. Adatto sia per chiome lunghe che corte, si può considerare come un ever green perché non passa mai di moda.

Tra le sfumature di biondo è molto gettonato il cenere. Il motivo? Semplice: è facilissimo da mantenere. Mentre con il colore alla Marylin dovrete fare attenzione alla minima ricrescita, con questa tonalità si può temporeggiare perché la differenza con la base naturale si nota meno. Non a caso, una tinta di questo tipo è consigliata quando si ha bisogno di coprire i primi capelli bianchi.

Completamente diverso è il discorso per il biondo platino. E’ molto difficile da mantenere perché, come nella tonalità classica, la ricrescita è in agguato. Questa colorazione è indicata soprattutto per coloro che hanno la pelle chiara, se non chiarissima.

palette colore capelli biondi

Colori biondi: ce ne sono per tutti i gusti

Un colore capelli biondo molto gettonato è quello che verte verso la tonalità più scura. Si tratta di una tinta che sembra naturale, motivo per cui sta bene a tutte le persone. Che dire, poi, del biondo miele? E’ una delle colorazioni più conosciute e apprezzate perché ricca di riflessi che aiutano anche a mascherare la ricrescita e i capelli bianchi. Se non amate questa tonalità chiara potete optare per il biondo caramello, che presenta sfumature più scure.

Avete i capelli biondi chiari e volete cambiare un po’? Scegliete il bronde, ovvero il mix perfetto tra castano e biondo. Particolarmente apprezzata dalle Vip, questa tinta è del tutto personalizzabile in base ai propri tratti somatici. Ovviamente, per ottenere un risultato impeccabile, dovete affidarvi ad un abile parrucchiere. Infine, non dimenticate il biondo vaniglia o baby blonde, adatto per tutte le chiome, sia corte che lunghe.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 31-08-2022


Unghie rotte, cosa fare: rimedi per avere mani (comunque) perfette

Unghie autunnali: come realizzarne di belle e alla moda