La terapia di coppia è un modo utile per contrastare una crisi o per trovare un modo più semplice di relazionarsi. Scopriamo come funziona e quando è il caso di prenderla in considerazione.

Andare in terapia di coppia è un modo utile per cercare di recuperare un rapporto in crisi ma anche per imparare a confrontarsi meglio con il partner, acquisendo un linguaggio che sia funzionale per la coppia e che aiuti a comunicare davvero. Si tratta, quindi di un approccio terapeutico che può rivelarsi utile in diversi frangenti e che, per questo, è sempre il caso di prendere in considerazione.

Terapia di coppia: come funziona

La terapia di coppia funziona come una normale terapia che nel caso specifico viene affrontata in due. In genere si svolge in un ambiente rilassato in cui il terapeuta cerca di mettere davvero in contatto i partner, spingendoli a parlarsi e a raccontarsi in modo diverso dal solito. In alcuni casi si può ricorrere anche ad approcci diversi come, ad esempio, l’EMDR.

terapia di coppia
terapia di coppia

Spesso, infatti, alla base dei problemi in un rapporto ci sono incomprensioni date da un errato modo di comunicare. Cosa che il terapeuta può risolvere lasciando degli esercizi da fare insieme e insegnando nuovi modi di approcciarsi.
Una seduta può costare dai 60 agli 80 euro a coppia. Quanto alla durata, molto dipende ovviamente dalla situazione e dal tipo di problematiche da affrontare.

Terapia di coppia: quando serve?

Generalmente, la terapia di coppia (così come la normale terapia) è un percorso che fa sempre bene in quanto aiuta a crescere e a scrollarsi di dosso paletti e vincoli che spesso ci si da senza neppure saperlo. Detto ciò, la terapia di coppia per coniugi è importante quando un matrimonio si rivela ormai in crisi e privo di comunicazione.
Ovviamente, non bisogna pensare che basti andare in terapia per trovare le soluzioni. Si tratta infatti di un percorso a tratti difficile e che si deve avere la volontà di compiere da entrambe le parti.

Quando serve andare in terapia di coppia, quindi? In tutti quei casi in cui si percepisce una lontananza dal partner e si sente di non essere più uniti come un tempo.
Può rivelarsi utile per superare traumi, incomprensioni, conflitti interni e anche problemi nel gestire la vita a due. Al contrario la terapia di coppia non funziona quando è solo uno dei due a volerla o quando si spera di risolvere i problemi semplicemente andando alle sedute ma senza poi lavorare su se stessi.

Si tratta quindi di un percorso di crescita che vale sempre la pena affrontare, a patto che si sia pronti ad abbracciarla in toto e a subirne eventuali conseguenze. Se nella maggior parte dei casi può ritenersi un valido aiuto, in caso di rapporti così compromessi da essere destinati a terminare, può portare più rapidamente alla conclusione. Motivo per cui si tratta di una decisione da prendere sempre dopo un’attenta riflessione e d’accordo con il partner.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 13-12-2021


Sindrome di Churg Strauss: cos’è e quali sono i sintomi

Menopausa: il giusto approccio secondo la Dottoressa Valeria Galfano