Le scottature solari rappresentano un problema piuttosto comune (soprattutto in estate). Scopriamo di cosa si tratta e come riconoscerle.

Le scottature solari sono delle lesioni della pelle dovute a una prolungata esposizione al sole. Colpiscono solitamente lo stato superficiale dell’epidermide e possono portare a conseguenze più o meno importanti a seconda dei casi, della frequenza e del livello delle lesioni. Scopriamo quindi come riconoscerle, curarle e prevenirle.

Scottatura solare: come riconoscerla per tempo

scottatura solare
scottatura solare

In genere le ustioni da sole sono piuttosto semplici da riconoscere. Si presentano infatti sotto forma di arrossamento della pelle e a volte con bruciori, piaghe o bolle. Si può dire che siano ciò che precede l’ustione solare di primo grado. Per questo motivo è molto importante riconoscerle per tempo al fine di ripararsi dal sole e di provvedere ad idratare e curare la pelle. Tra i sintomi più comuni ci sono:

– Pelle arrossata
Mal di testa
– Brividi di freddo
– Debolezza generale
– Pelle con bolle o piaghe

In genere, le scottature solari si presentano più facilmente in soggetti predisposti, ovvero con carnagione molto chiara. Se si passano molte ore sotto il sole, però, possono riguardare chiunque. Aspetto al quale è quindi importante prestare sempre la giusta attenzione.

Scottature solari: rimedi e come prevenirle

Quando si va incontro a una scottatura solare, la prima cosa da fare è quella di mettersi all’ombra, di bere acqua e di idratare la zona che presenta una o più lesioni. In alcuni casi può essere d’aiuto usare anche del ghiaccio e una crema emoliente. In casi più gravi e sempre dietro parere medico si può fare uso di antinfiammatori o analgesici. Ovviamente, si dovrà evitare di esporsi nuovamente al sole fin quando la pelle non sarà del tutto guarita.

Quanto alla prevenzione, è sempre molto importante far uso di creme solari adeguate. Queste andranno scelte in base al tipo di pelle ma anche a seconda di quanto tempo si pensa di restare al sole. Inoltre è importante evitare di esporsi nelle ore più calde. È bene ricordare, infatti, che un’esposizione senza l’adeguata protezione può portare a danni della pelle e all’insorgere di patologie tra le quali rientra anche il tumore della pelle.

TAG:
salute

ultimo aggiornamento: 06-05-2021


Demielinizzazione: di cosa si tratta e quali sono i sintomi per riconoscerla

Allergia al nichel e tatuaggi: cosa c’è da sapere per non correre rischi