Ecco una ricetta semplice per addominali scolpiti in una settimana

Fretta, cattiva consigliera

Vedere trasformarsi la nostra pancetta in una bella tartaruga è il desiderio di ognuno di noi. Soprattutto degli uomini ( non credono alla famosa frase “uomo di panza, uomo di sostanza”). Per cui si guardano i grandi atleti e ci si domanda: quanto tempo ci vuole per questo miracolo? Quanti addominali servono a settimana? Innanzitutto dobbiamo partire dal presupposto che non sempre esagerare con lo sforzo porta a dei buoni risultati. Se lavoriamo con i muscoli dell’addome tutti i giorni non è detto si abbiano degli esiti positivi. Ciò perché i tessuti muscolari hanno bisogno di riposo per crescere e, se per la smania di raggiungere presto dei risultati non glielo concediamo, non osserveremo quasi nessun cambiamento, anzi rischieremo delle contratture.

Aumento della massa

L’ipertrofia muscolare, o aumento della massa, ha bisogno di un giorno di riposo tra un allenamento e quello successivo, ecco perché si consiglia di tenere in esercizio i propri addominali da una a tre volte la settimana. L’importante è aumentare gradatamente l’intensità di ogni allenamento, non il numero di volte a settimana in cui faremo gli addominali. Ma questo vale per la palestra o comunque per gli esercizi che svolgiamo in casa, non per la dieta. Il ridotto strato di grasso, infatti, è il principale fattore che costituisce un bel six-pack. Il consiglio è quindi allenarsi tutti i giorni a tavola, tenendo sotto controllo il peso e l’apporto di grassi nel corpo, e riuscire a mantenere costanti tre appuntamenti settimanali con delle serie di crunch, planck e qualche torsione del busto. I risultati non tarderanno ad arrivare, molto dipenderà dal nostro metabolismo, dall’età ma soprattutto dalla motivazione che avremo per tenerci in allenamento costante.

 

 


Cosa sono i carboidrati

Dieta alcalina: i 5 cibi a cui non rinunciare