La Psicodermatologia è una nuova disciplina che racchiude in se la dermatologia e la psicologia. Scopriamo di cosa si tratta esattamente e come funziona.

Parlare di psicodermatologia significa addentrarsi nella nuova frontiera della cura della pelle.
Si tratta infatti di un approfondimento della dermatologia che affonda le basi in una connessione tra mente e pelle.
Seppur poco conosciuta, in Italia è presente da quasi 20 anni, ovvero da quando il professor Roberto Bassi ha organizzato i primi corsi di formazione riguardanti il connubio tra psiche e cute.

La psicodermatologia come trattamento dei disturbi della pelle

La pelle è uno dei punti del corpo in cui si esprimono le emozioni.

viso di donna
viso di donna

Quando ci si emoziona si arrossa, se si è stressati viene l‘orticaria da stress e quando si ha un impegno importante che genera ansia possono apparire dei brufoli.
Tutti aspetti che messi insieme danno una chiara idea della connessione presente tra psiche e pelle. Connessione che è anche ciò su cui si concentra la psicodermatologia.

Questa disciplina si propone infatti di non limitarsi a curare i sintomi ma di indagare sulle possibili implicazioni psicologiche che li hanno scatenati.
Un modo per curare la pelle con la psicologia, guidando il paziente verso la risoluzione di conflitti che a volte, in modo difficile da vedere (agli occhi di una persona non esperta) possono provocarne altri di tipo estetico.

Come funziona la psicodermatologia

Secondo questa disciplina, la pelle bella è legata all’umore. E su questo principio si basa anche il trattamento che varia ovviamente da persona a persona.
In base al problema presentato, infatti, un paziente potrebbe avere più bisogno di cure o di supporto psicologico. E ciò viene ovviamente visto solo durante la visita.
Al trattamento farmacologico per curare il problema della pelle (e che può essere sia mirato alla cute che alla psiche) si uniscono quindi una terapia cognitivo-comportamentale, la terapia narrativa e persino la terapia di gruppo.

Si tratta di un approccio decisamente innovativo ma che per molte persone rappresenta anche l’unico modo di risolvere in modo definitivo dei problemi che, altrimenti, con la sola cura farmacologica, finirebbero con il tornare a presentarsi anche più volte.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Cisti di Baker: di cosa si tratta e come si cura

Iodio: a cosa serve e che ruolo ha contro le radiazioni