Prurito in testa: le cause e i rimedi della nonna

Un disturbo molto diffuso, il prurito in testa può essere dovuto da cause differenti. Ecco alcuni rimedi per liberarsene!

Il prurito al cuoio capelluto può presentarsi da un momento all’altro e può essere essere causato da diversi fattori. Colpisce sia uomini che donne e può creare disagi ed imbarazzi, specialmente quando ci si trova in pubblico. Può diventare fastidioso, quasi irritabile, ed è per questo che bisogna ricorrere immediatamente a dei rimedi efficaci.

Prurito in testa: cause

Le cause più comuni del prurito in testa sono le seguenti: una cute secca, una desquamazione del cuoio capelluto (forfora), una follicolite, una psoriasi, eccessiva produzione di sebo (seborrea), una dermatite seborroica, smog o un utilizzo di prodotti troppo aggressivi. Attenzione, perché potrebbe essere anche un sintomo di una pediculosi in corso, ovvero la testa ha subito un’invasione di pidocchi!

Ma escludendo quest’ultimo problema che richiede una cura specifica, è possibile liberarsi del problema tramite alcuni rimedi naturali. Ecco quali!

Prurito in testa, i rimedi naturali

Per evitare di utilizzare shampoo o prodotti per capelli troppo aggressivi per il tipo di pelle, sarebbe più opportuno servirsi di prodotti naturali.

Volto donna
Fonte foto: https://pixabay.com/it/ragazza-modello-rosa-moda-ritratto-2189247/

L’aloe è uno dei rimedi naturali più efficaci contro il prurito in testa, grazie alla sua azione rinfrescante e antinfiammatoria. Allevia il prurito e va applicata direttamente sul cuoio capelluto sotto forma di gel.

Anche gli impacchi di camomilla possono aiutare ad eliminare il problema, se eseguiti con costanza.

Nel caso in cui il problema sia dovuto dalla forfora, uno shampoo a base di ortica è il rimedio più efficace.

Un vero toccasana per il cuoio capelluto è l’olio essenziale di Tea Tree. Può essere utilizzato tramite 2 opzioni: aggiungendo 20 gocce allo shampoo applicato in testa durante il lavaggio oppure diluito insieme a dell’olio di cocco e applicato direttamente in testa, lasciandolo agire per un’intera notte. Anche l’olio di cocco, se applicato da solo, può proteggere il cuoio capelluto.

Ricordiamo sempre che se il problema persiste ed è sintomo di qualche problema di salute, è assolutamente doveroso rivolgersi ad un medico. 

Fonte foto: https://pixabay.com/it/ragazza-modello-rosa-moda-ritratto-2189247/

ultimo aggiornamento: 13-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures