Il pomfo è una manifestazione di tipo allergico tipica dell’orticaria. Scopri come arriva, da cosa dipende e quali sono i rimedi.

Il pomfo è una manifestazione allergica che può presentarsi per diversi motivi e che nella maggior parte dei casi risulta essere uno dei sintomi primari dell’orticaria allergica. Scopriamo quali sono le cause principali, come si presenta e cosa bisogna fare per agire nel modo più corretto possibile al fine di alleviarne i sintomi.

Cosa sono i pomfi: tutto quel che è importante sapere

Il pomfo cutaneo è una protuberanza solitamente transitoria che si presenta sulla pelle e che è associata nella maggior parte dei casi ad eritema o orticaria.

pomfi
pomfi

Di colore rosso, tende a svanire entro le 24 ore e ha particolarità di prudere molto. Per questo motivo viene chiamato spesso “pomfo pruriginoso”. In genere si presenta dopo la puntura delle zanzare o per reazioni allergiche come in caso di allergia al nichel, a punture di altri insetti o ad allergie di tipo alimentare.

Quando si presenta, quindi, a meno di non conoscerne a pieno la causa essendo abituati alla comparsa, è sempre bene rivolgersi al medico per capire da cosa dipende.

Pomfo: i rimedi più utili per porvi rimedio e lenire il dolore

Quando si parla di pomfo allergico, la prima cosa che si dovrebbe fare è prevenirne l’insorgenza. Ciò significa evitare il contatto con sostanze allergiche o con tutto ciò che può provocarne l’apparizione. Se ciò non è possibile perché ci si trova già nel vivo del problema, può essere utile usare del ghiaccio al fine di raffreddare la zona colpita. In questo modo, infatti, si dovrebbe lenire il senso di prurito e di bruciore.

Per i pomfi sulla pelle esistono poi diverse pomate che si possono applicare sulla parte. Andando sul naturale è possibile usare dell’aloe vera, in grado di disinfiammare la pelle e di lenire i fastidiosi sintomi. Per finire, conoscere le cause che generano i pomfi (specie se di tipo allergico) può essere molto utile per aiutare a mettere in pratica delle soluzioni studiate ad hoc con il medico curante e relative al problema personale. Conoscersi bene, quindi, da questo punto di vista si rivela sempre molto utile.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 30-11-2021


Orticaria colinergica: cos’è, come riconoscerla e come curarla

Shock anafilattico: perché si presenta e cosa fare