Peeling chimico: scopriamo cosa c’è da sapere su questo trattamento di bellezza della pelle per eliminare le cellule morte e stimolare la circolazione.

Il peeling chimico è un trattamento di bellezza della pelle che, invece di agire attraverso scrub e gommage, si basa sull’utilizzo di determinati acidi che aiutano la pelle eliminandone le cellule morte e stimolando la circolazione e il ricambio cellulare. Un metodo sempre più usato per sconfiggere l’acne ma anche per schiarire alcune macchie o attenuare le rughe.

Peeling chimico del viso: come funziona e come svolgerlo in sicurezza

Il peeling chimico si mette in pratica attraverso l’applicazione di particolari sieri o creme che contengono acidi in grado di trattare la pelle in base al risultato desiderato.

peeling chimico
peeling chimico

È quindi possibile svolgerlo sia a casa che in centri specializzati. La differenza sta nell’azione degli acidi. Se per uso casalingo le creme in vendita ne contengono un certo quantitativo, presso i centri estetici è infatti possibile trovarne di più potenti e quindi in grado di ottenere dei risultati in modo più veloce. Come avviene ad esempio per il peeling acne.

In ogni caso, prima di iniziare è importante preparare la pelle per renderla più ricettiva al trattamento. Fatto ciò si può passare ad applicare la crema o il siero, lasciando agire il tutto per un quantitativo di tempo variabile che dipende dall’acido che contiene e che va solitamente dai 2 ai 10 minuti.
Infine, il tutto viene rimosso per passare all’applicazione di un’altra sostanza (sempre chimica) che serve ad eliminare l’acido in eccesso.

Si tratta quindi di un procedimento un po’ più complesso rispetto a quello del normale peeling estetico a cui siamo abituati. Motivo per cui può essere consigliabile effettuarlo (almeno le prime volte) presso dei centri specializzati.

A cosa prestare attenzione quando si sceglie di usare il peeling chimico

Per far si che il peeling chimico funzioni senza danneggiare la pelle è importante non abusarne mai (rischio che si corre soprattutto quando si sceglie di farlo a casa).

Inoltre è bene accertarsi di non essere allergici ai componenti. Per fare un esempio, chi è allergico all’aspirina dovrebbe prestare attenzione a quelli contenenti acido salicilico. Una scelta errata potrebbe infatti portare a rossori o ustioni della pelle. Per questo motivo, è importante dedicare il giusto tempo alla scelta del prodotto giusto, eseguendo tutte le prove del caso prima di iniziare con l’applicazione.


Shampoo anticaduta: ecco perché utilizzarli

Colpi di sole fai da te: come eseguirli nel modo corretto