L’olio essenziale di mirra è un’essenza ricca di proprietà benefiche. In particolare, si è rivelato un ottimo cicatrizzante.

L’olio essenziale di mirra si ricava dal Commiphora myrrhaI, più precisamente dalla sua resina. Stiamo parlando di un albero ricco di spine, che cresce nei territori semidesertici della penisola arabica e dell’Africa.

Questi alberi si caratterizzano per la produzione di una resina, che altro non è che linfa essiccata, che viene raccolta a causa dei suoi numerosi utilizzi. La mirra, questo il nome della resina, veniva utilizzata già a partire dall’antichità: vi sono riferimenti a essa anche nella Bibbia e in numerose religioni antiche.

Al giorno d’oggi, la mirra viene utilizzata per diversi scopi, tra cui la creazione di prodotti farmaceutici e profumi e la distillazione, tramite la quale viene ricavato l’olio essenziale.

Le proprietà dell’olio essenziale di mirra

L’olio essenziale di mirra è un’essenza ricca di proprietà benefiche. Innanzitutto, è ottimo contro funghi e batteri. Per questo motivo, viene utilizzata per combattere le infezioni del cavo orale, sia causate da batteri, come le afte, sia da funghi, come la candida.

Mirra
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/mirra-di-piante-medicinali-2736724/

Un’altra proprietà dell’essenza di mirra risiede nella sua capacità di influire sui nostri sentimenti e sul nostro stato d’animo. In particolare, aiuta a liberarci delle nostre paure e infonde un senso di ottimismo a chi ne fa uso. Inoltre, è ottima contro i sintomi delle malattie da raffreddamento ed è un valido antiossidante.

Tuttavia, la proprietà più apprezzata di questo olio essenziale è un’altra: quella cicatrizzante. Infatti, secondo quanto riportato da uno studio pubblicato sull’Ethiopian Pharmaceutical Journal, l’essenza di mirra sarebbe in grado di accelerare la guarigione e la chiusura delle ferite.

Utilizzi e controindicazioni

L’olio essenziale di mirra può essere utilizzato in diversi modi. In primo luogo, è possibile usarlo, diluendo qualche goccia in un bicchiere d’acqua, per effettuare dei gargarismi o dei risciacqui. Questo metodo sarà utile per chi vuole combattere le infezioni del cavo orale.

Per sfruttare i suoi benefici sul nostro stato d’animo e per combattere le malattie da raffreddamento, è possibile assumere l’essenza per via aerea, diffondendola nell’aria tramite un diffusore di aromi.

Il potere cicatrizzante, che condivide con l’olio essenziale di lavanda, è possibile sfruttarlo spalmando l’essenza sulla pelle, ovviamente dopo aver diluito un paio di gocce in circa 15ml di olio vegetale.

Se utilizzato in quantità moderate, l’olio essenziale di mirra non presenta effetti collaterali. Tuttavia, è sempre bene non esagerare con i dosaggi. Non utilizzare in caso di gravidanza e durante l’allattamento.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/oli-essenziali-aromaterapia-spa-1433694/

TAG:
star bene

ultimo aggiornamento: 19-04-2020


Alla scoperta del Chios, una resina versatile e ricca di proprietà

Dermatite seborroica, scopri come riconoscerla e come combatterla