La frutta secca è un’irrinunciabile fonte di vitamine, proteine, minerali, antiossidanti e acidi grassi; per questo motivo non dovrebbe mai mancare in un regime alimentare ben bilanciato.

Dalle mandorle alle noci, passando per pistacchi, anacardi e noccioline, tutta la frutta secca, oltre ad essere buona, apporta notevoli benefici all’organismo e regala molte energie, tanto da venire definita un vero e proprio superfood. Nonostante questo, è importante non esagerare nel consumo, per non rischiare di ottenere l’effetto opposto, ossia trasformare un alimento sano in uno dannoso, soprattutto per la linea.

frutta secca
frutta secca

Frutta secca: quali benefici apporta all’organismo

I semi edibili possiedono specifiche proprietà che lo rendono un perfetto alleato della nostra salute, aiutandoci ad esempio a mantenere sotto controllo il colesterolo, a proteggere il sistema circolatorio o a ritrovare il buonumore. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di ognuno di essi.

Le mandorle

Le proprietà delle mandorle, grazie all’elevato contenuti di vitamine, proteine, sali minerali e nutrienti, sono innumerevoli. Tra le principali ricordiamo le proprietà antinfiammatorie, dovute alla presenza degli Omega-3, e quelle antiossidanti, date dall’elevato contenuto di vitamina E. Mangiate con regolarità, permettono inoltre di ridurre il colesterolo cattivo e rinforzare le ossa.

Le noci

Tra i più importanti benefici apportati dalle noci al nostro organismo troviamo la capacità di ridurre il colesterolo cattivo e di rinforzare il sistema immunitario. Ricche di potassio, magnesio, ferro, rame e zinco, possiedono inoltre importanti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e cardiotoniche.

I pistacchi

Anche i pistacchi, consumati nella giusta quantità e in versione naturale non salata, apportano numerosi benefici all’organismo; oltre a dare un senso di sazietà che aiuta a evitare le abbuffate, contrastano pressione alta, colesterolo alto e anemia. Sembra inoltre che i pistacchi aiutino a prevenire e combattere il diabete di tipo 2 e che abbiano persino un lieve effetto antitumorale.

Le nocciole

Ricche di vitamine dei gruppi B ed E, di sali minerali e di fitosteroli, le nocciole svolgono un’importante azione antiossidante e aiutano a ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari e del diabete.

Le arachidi

Proprio come i pistacchi, anche le arachidi danno il meglio di loro stesse se consumate nella versione naturale e non in quella arricchita di sale. Ricche di vitamine e sali minerali, svolgono un’azione antitumorale e riducono il rischio di malattie cardiovascolari.

Gli anacardi

Gli anacardi, ricchi di antiossidanti, grassi insaturi e fibre, aiutano a combattere l’insorgenza dei radicali liberi, a ridurre il colesterolo cattivo e a combattere il diabete di tipo 2. Il triptofano svolge inoltre un’efficace funzione antidepressiva, migliorando l’umore.

Le castagne

Le castagne differiscono dagli altri tipi di frutta secca in quanto hanno un contenuto decisamente più basso di grassi, ma contengono carboidrati complessi; sono inoltre ricche di vitamine dei gruppi E e B, di fibre e di sali minerali. Oltre a saziare e a dare una grande carica di energia, le castagne rafforzano il sistema immunitario e aiutano a combattere anemia e colesterolo cattivo.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 31-05-2022


Quante sono le calorie delle albicocche? Ecco le distinzioni da fare

Come far dimagrire le gambe: la dieta e gli esercizi mirati