L’intossicazione da funghi è un problema che non andrebbe mai sottovalutato. Scopriamo come affrontarlo.

Avere un’intossicazione da funghi, è un avvenimento piuttosto grave e che è quindi importante trattare con la massima rapidità. Al momento, infatti, non esiste ancora un antidoto in grado di funzionare in tal senso. E, per questo motivo, si rivela necessario agire il prima possibile andando in pronto soccorso.
Per agire correttamente, è però importante riuscire a riconoscere un’intossicazione da funghi. Ecco, quindi, cosa è importante sapere.

Funghi velenosi: i sintomi

Imparare a conoscere i sintomi da funghi velenosi può salvare la vita.

intossicazione
intossicazione

E per farlo è importante capire quali sono i sintomi più comuni e che in genere si manifestano da mezz’ora dopo il pasto a rischio e fino a sei ore.

Tra i tanti ci sono infatti:

– Vomito
Diarrera
– Dolori addominali

Questi possono manifestarsi sia in casi di intossicazioni lievi e che rientrano da sole che in caso di quelle più gravi e che, pertanto, è indispensabile trattare. La differenza è che quando l’intossicazione è pericolosa, i sintomi sopra descritti sono molto più evidenti e frequenti. I funghi velenosi portano ad esempio ad una diarrea quasi continua e che può provocare (insieme al vomito) la disidratazione.

Nei casi più gravi alcuni organi possono risultare compromessi portando alla necessità di un trapianto. Un dato che lascia immaginare quanto sia importante far attenzione all’intossicazione da funghi porcini velenosi e da tutti quelli a rischio.

Come evitare l’intossicazione da funghi

Posto che l’unico modo di intervenire in caso di intossicazione è quello di andare con urgenza in pronto soccorso dove saranno trattati i vari sintomi man mano che si presenteranno, è molto importante imparare ad evitare di correre questo pericolo per la salute.

Per farlo è necessario consumare sempre e solo funghi commestibili e dei quali si è sicuri.
Inoltre è bene evitare di mangiarli durante la gravidanza e di darli ai bambini e ai soggetti fragili.
Potendo scegliere è meglio mangiare solo funghi ben cotti ed evitare quelli raccolti da amici o da persone che non sono più che fidate. Agendo in questo modo si potrà stare più tranquilli.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Fisioterapia a casa: tutti i vantaggi

Che cos’è la malattia senza peli: la psiche del paziente ne fa le spese