In caso di ernia iatale, la dieta rappresenta un ottimo strumento. Ecco cosa si può mangiare e cosa è meglio evitare.

Quando si soffre di ernia iatale, la dieta è da considerarsi come una delle basi per poter vivere bene.
La maggior parte dei sintomi dolorosi avvengono infatti dopo l’assunzione di determinati alimenti che se evitati aiutano ad attenuare il problema. Imparare ad aggirare i dolori dati dall’ernia iatale con i cibi da evitare è quindi la prima cosa da fare quando si soffre di questa delicata patologia.

Ernia iatale: cosa non mangiare

Quando si soffre di ernia iatale è molto importante evitare i pasti abbondanti ed il riposo immediatamente successivo al consumo di cibo.

dolore al petto
dolore al petto

Ci sono poi degli alimenti che sono considerati nocivi in quanto maggiormente in grado di causare dei disturbi gastrici.

Tra quelli che andrebbero evitati ci sono ovviamente quelli piccanti e che comprendono anche spezie come il pepe e il peperoncino. Seguono poi tutti i cibi grassi e fritti.
Quelli caldi andrebbero consumati solo una volta intiepiditi in quanto il calore può peggiorare alcune lesioni.

Vanno poi evitati cibi acidi come gli agrumi, gli alcolici e le bevande a base di caffeina e teina.
Infine, anche il cioccolato, rientra tra gli alimenti che si dovrebbero accuratamente evitare.

Ernia iatale: cosa mangiare

È importante sapere che ci sono degli alimenti che si rivelano più indicati di altri e sono da considerare idonei nella dieta per ernia iatale e esofagite da reflusso.

Tra questi ci sono i cereali che combattono l’acidità di stomaco. E ancora mele, banane e patate che svolgono un importante azione lenitiva sulle pareti dello stomaco.
Seguono poi il pesce che in quanto ricco di Omega 3 è in grado di donare benefici all’organismo ed il sale ha effetti benefici sull’ernia iatale.

Imparare a distinguere gli alimenti da inserire a pieno titolo e quelli da ridurre al minimo e da eliminare è un buon modo per prendersi cura dell’ernia iatale.
A ciò si dovrà poi unire uno stile di vita sano. Fatto cioè di pasti moderati, di una corretta attività fisica e del mantenimento del peso forma, indispensabile per poter contare su uno stato di salute migliore.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 26-02-2022


Piperina per dimagrire: cos’è e quali sono i suoi benefici?

Differenza tra probiotici e fermenti lattici: cos’è importante sapere