L’ora solare ha sempre degli effetti importanti sulla nostra salute. Scopriamo quali sono e qual è il momento esatto in cui spostare indietro le lancette.

Come ogni anno, l’arrivo dell’autunno sancisce anche il famoso spostamento delle lancette. Un appuntamento importante che cade solitamente alla fine di ottobre. In questo 2020 il cambio dell’ora avviene tra la notte del 24 e il 25 ottobre e ci consentirà di dormire un’ora in più. Gli orologi andranno infatti spostati indietro di un’ora. Un passaggio che solitamente entra in vigore alle due di notte. Nonostante si dorma di più, però, gli effetti dell’ora solare sul nostro organismo non sono sempre piacevoli.

Ora solare: gli effetti sulla salute

Come molti sapranno, questo passaggio non è sempre indolore. Infatti, l’ora solare ha effetti sulla salute che a volte possono rendere i giorni immediatamentre successivi poco piacevoli.

orologio sveglia
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/sveglia-winterzeitumstellung-2175342/

Sebbene si tratti solo di un’ora, gli equilibri della giornata subiscono infatti un brusco cambiamento che può portare a diversi problemi, che sono:

– Irritabilità
– Problemi di appetito
Emicrania
Insonnia
– Depressione
– Mancanza di energia
– Effetto jet leg

Tutti problemi che tendono a risolversi da soli nel giro di qualche giorno ma che nei soggetti più sensibili possono protrarsi un po’ più a lungo rendendo la vita più difficile.

Come evitare gli effetti del cambio dell’ora

Per fortuna, ci sono diverse strategie che si possono mettere in atto al fine di non subire troppo il cambio dell’ora.

A partire da una settimana prima, ad esempio, si può iniziare ad anticipare di qualche minuto al giorno l’orario dei pasti e quello in cui si va a letto.

Al contempo si può agire sull’alimentazione scegliendo cibi in grado di stimolare serotonina. Tra questi ricordiamo il cioccolato, le banane e gli spinaci.

Infine, può tornare utile ritagliarsi un po’ di tempo per rilassarsi. Concedersi una mezz’ora al giorno in cui svolgere dell’attività fisica, andare a camminare o dedicarsi alla yoga o alla meditazione, sono infatti strategie che funzionano e che possono fare la differenza, sopratutto per tenersi alla larga dallo stress.

In caso di problemi più seri dovuti alle difficoltà nel prendere sonno, si può optare per l’assunzione di qualche integratore in grado di agire sulla melatonina. In tal caso, prima di farlo è sempre bene chiedere un parere al proprio medico curante. In alternativa si può ricorrere a tisane rilassanti da assumere dopo cena.

Fonte foto di copertina: https://pixabay.com/it/photos/sveglia-winterzeitumstellung-2175342/

TAG:
star bene

ultimo aggiornamento: 22-10-2020


In cosa consiste la digestione lenta? Ecco quello che devi sapere su questo disturbo

Come placare l’acidità di stomaco: i rimedi della nonna