E’ meglio dormire 6 ore a notte oppure allungare il riposo oltre? Vediamo quante sono le ore di sonno consigliate dagli esperti.

Il riposo è fondamentale, sia per gli adulti che per i bambini. Eppure, non tutti si rendono conto di dover trascorrere tra le braccia di Morfeo almeno un tot di ore a notte. Vediamo cosa dicono gli esperti, se è consigliato dormire 6 ore o più tempo e cosa si rischia se non si consente al corpo di ricaricare le spine nel modo corretto.

Dormire 6 ore a notte o di più?

Quante ore bisogna dormire per stare bene? E’ questa una delle domande più gettonate di sempre. Il sonno è fondamentale per il benessere dell’intero organismo, non solo fisico ma anche psichico. Dalle funzioni cerebrali e cognitive alla regolazione del metabolismo, passando per il sistema cardiovascolare: sono tanti i benefici che apporta il buon riposo. Dormire poco e male è deleterio e, a lungo andare, può provocare parecchie problematiche, morte compresa. Ovviamente, non è salutare neanche abbandonarsi tra le braccia di Morfeo per tutto il giorno. Come in tutte le cose, la via di mezzo è sempre la scelta più saggia.

Dormire 6 ore a notte, ad esempio, non è consigliato. Sei ore, infatti, non sono sufficienti ad ottenere il giusto riposo di cui corpo e mente hanno bisogno dopo un’intera giornata. Basta rimanere a letto anche solo mezz’ora in più per raggiungere quello che potremmo definire il target perfetto. Le ore di sonno consigliate dagli specialisti vanno da oltre 6 a meno di 8.

Ore minime di sonno: il consiglio degli specialisti

Alla luce di quanto detto sopra, dormire 7 ore è sufficiente per avere la giusta carica per affrontare la giornata, mentre dormire 5 ore a notte non consente al corpo e alla mente di ricaricare le spine. Riuscire a rimanere tra le braccia di Morfeo per le classiche 8 ore sarebbe il massimo, ma molte persone non riuscirebbero a raggiungere questo standard neanche sotto tortura. Infine, ricordate che non è fondamentale solo la quantità, ma anche la qualità del sonno.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 25-07-2022


Amoxicillina e Acido Clavulanico: a cosa serve il farmaco?

Agenesia del corpo calloso: la diagnosi precoce è fondamentale