Denti sensibili: quali sono le cause e i migliori rimedi

La sensibilità dentale è un disturbo molto fastidioso, che colpisce tantissime persone. Vediamo quali sono le cause principali e cosa fare in caso di denti sensibili.

chiudi

Caricamento Player...

La sensibilità dentale, o meglio dentinale, è un disturbo molto comune e fastidioso. Il sintomo principale è la sensazione di dolore che si percepisce quando si consumano cibi e bevande troppo freddi o troppo caldi.

Il problema insorge quando la dentina, ovvero la struttura portante del dente, resta scoperta, a causa della recessione delle gengive e/o del deterioramento dello smalto. Vediamo quali sono le cause dei denti sensibili e quali i rimedi più efficaci.

Denti sensibili: le cause

Denti sensibili
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/donna-dentista-spazzolino-da-denti-2099474/

La sensibilità dentale, come abbiamo visto, è dovuta all’esposizione della dentina. Di solito ciò avviene quando lo smalto dentale si consuma, per diversi motivi, tra cui l’utilizzo errato dello spazzolino (setole troppo dure, movimenti troppo vigorosi), trattamenti sbiancanti troppo frequenti, o il consumo di cibi e bevande acidi (pomodoro, agrumi, soda).

Anche altri problemi ai denti, come placca, carie e regressione delle gengive, quest’ultima dovuta quasi sempre all’avanzare dell’età, possono rendere i denti eccessivamente sensibili.

Denti sensibili: cosa fare e rimedi efficaci

La prima cosa da fare in caso di denti sensibili, è usare uno spazzolino con setole morbide e un dentifricio specifico. I movimenti con cui ci si spazzola i denti devono essere delicati.

Bisogna poi ridurre il più possibile il consumo di cibi acidi e corrosivi. Attenzione anche ai dentifrici e ai prodotti sbiancanti: meglio evitarli.

Infine, un valido rimedio è l’utilizzo di prodotti a base di fluoro. Questo minerale, infatti, aumenta la mineralizzazione dello smalto e lo rinforza, grazie alla formazione di uno strato di floruro di calcio sui denti, che fa da barriera protettiva. Se il problema non dovesse risolversi, comunque, è bene rivolgersi ad un dentista, per individuarne la causa e il trattamento più adeguato.