Esiste il cortisone naturale? Fortunatamente sì, ci sono diverse piante che si possono assumere come sostituti del farmaco.

Il cortisone è un farmaco molto utile, soprattutto quando ci sono alcune patologie che non potrebbero essere combattute in altro modo. Ci sono, comunque, varianti naturali che, previo parere medico positivo, possono essere assunte al posto del medicinale. Vediamo quali piante vengono definite cortisone naturale.

Cortisone naturale: le alternative al farmaco

L’alternativa naturale al cortisone c’è, ma ci sono alcune precisazioni da fare. Il farmaco in oggetto vanta un efficace potere antinfiammatorio, che lo rende indispensabile per contrastare alcune patologie. Pertanto, è vietato il fai da te e il medicinale va sostituito con il rimedio ‘della nonna’ solo quando è consigliato dal medico curante. Chiarito ciò, vediamo quali sono le piante che possono agire nell’organismo come il cortisone.

Al primo posto troviamo il ribes nero, uno dei sostituti al medicinale in oggetto più conosciuto di sempre. E’ consigliato soprattutto per contrastare allergie, dolori articolari e reumatici e per aumentare le difese immunitarie. Tra le spezie, invece, la più efficace è la curcuma, che vanta proprietà antinfiammatoria. Il suo consumo è indicato specialmente quando si devono combattere i fastidi legati all’allergia. In alternativa, optate per lo zenzero, antico antinfiammatorio. Preferitelo soprattutto quando ci sono problematiche legate all’artrite.

Cortisone: le alternative vanno valutate dal medico

Un cortisone vegetale efficace è il cardiospermum halicacabum. Appartenente alla famiglia delle saponifere, questa pianta è particolarmente indicata quando ci sono infiammazioni tipo eczema, quindi pruriginose, e reazioni allergiche. Infine, non dimenticate la camomilla, la calendula e l’amamelide. E’ bene ribadire che il farmaco cortisonico potrebbe presentare diversi effetti collaterali: aumento di peso, irritabilità, ipertensione, rischio di diabete e osteoporosi ed eventuale comparsa di ulcere gastriche. Nonostante tutto, le alternative naturali vanno sempre valutate dal medico.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 08-07-2022


Non riesci a riconoscere le persone? Forse soffri di prosopagnosia

Mal di pancia in gravidanza, dalle prime settimane all’ultima: quando preoccuparsi?