Le punture di zanzare, si sa, sono fastidiosissime, e ogni estate sono un vero e proprio nemico con il quale combattere.

È bene tuttavia ricordare che la puntura di zanzara non fa rima esclusivamente con prurito ed arrossamenti, ma in alcuni casi (per fortuna, abbastanza rari) può essere anche pericolosa.

È assolutamente fondamentale, dunque, proteggere la propria pelle ed evitare di essere punti da questi insetti, scopriamo dunque quali sono i rimedi più efficaci in tal senso.

repellente per zanzare naturale

1 – Proteggere la pelle con prodotti di qualità

L’estate è assai frequente uscire nelle ore serali, magari in località di mare dove vi è una forte umidità, ed è altrettanto frequente vestire in modo leggero, tenendo esposte delle ampie superfici della propria pelle.

Questo, purtroppo, è un autentico “invito a nozze” per le zanzare, subito pronte a colpire, di conseguenza il primo baluardo per proteggersi non può che essere l’utilizzo di prodotti di qualità da applicare sulla pelle.

In qualsiasi farmacia, da intendersi sia come punto vendita classico che come e-commerce, si possono acquistare dei prodotti specifici: nella farmacia online Farmaregno, ad esempio, è presente un’intera sezione dedicata ai repellenti antizanzare.

È bene sottolineare che si tratta di prodotti assolutamente ben tollerati dalla pelle, oltre che inodori, i quali tuttavia sono in grado di esercitare una forte azione repellente nei confronti di zanzare e insetti di altro tipo.

2 – Proteggere la propria casa

La nostra casa è, ovviamente, il luogo in cui trascorriamo più tempo, nonché quello dove riposiamo nelle ore notturne, ecco perché l’immobile deve essere assolutamente ben protetto da questo punto di vista: non riuscire a dormire per il ronzio di una zanzara che cerca di pungerci è tutt’altro che piacevole!

Da questo punto di vista, le azioni che si possono compiere sono svariate: la tecnologia mette a disposizione tanti articoli specifici, come ad esempio lampade insetticide, senza trascurare i diffusori repellenti e altri rimedi piuttosto comuni.

Non ci sono tuttavia dubbi sul fatto che uno dei metodi migliori in assoluto, per quanto decisamente classico, sia quello di applicare delle zanzariere in corrispondenza di tutte le aperture dell’abitazione, quindi di finestre e portefinestre.

Le zanzariere sono dei serramenti specifici per proteggere dalle zanzare, delle reti dalle maglie finissime, visivamente percettibili sono da breve distanza, che impediscono fisicamente l’accesso agli insetti.

Se le zanzariere sono correttamente installate, dunque, finestre e portefinestre possono essere tenute aperte senza problemi anche nelle sere d’estate, anche con la luce accesa.

3 – Far ricorso a rimedi naturali

Se si parla della necessità di proteggersi dalle zanzare è doveroso menzionare anche i rimedi naturali, soluzioni classiche, e decisamente “green”, che ognuno può attuare; in alcuni casi la loro efficacia non è paragonabile a quella delle soluzioni di cui si è parlato fino ad ora, ma possono essere comunque un ausilio prezioso.

Un rimedio davvero antichissimo è quello di spremere sulla propria pelle un po’ di limone: il succo di questo agrume, infatti, avendo un odore molto intenso tende a tenere alla larga gli insetti.

Anche oli essenziali di altre piante, quali rosmarino, citronella e menta, possono essere utilizzati in questo modo, dunque tramite delle applicazioni sulla pelle, anche se vi è il rischio che possano generare delle reazioni allergiche.

Per quanto riguarda l’allestimento del proprio giardino, può essere un buon consiglio quello di coltivare una buona quantità di piante aromatiche, che con i loro intensi profumi tendono ad allontanare le zanzare.

Sono assolutamente da evitare gli specchi d’acqua, anche quelli più piccoli: un semplice sottovaso colmo d’acqua dopo aver innaffiato le piante può divenire un vero e proprio invito per le zanzare, da sempre fortemente attratte dall’acqua stagnante, dunque è bene prestare attenzione anche a questo.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 15-07-2022


Problemi d’insonnia? Ecco come stabilire una routine del sonno

Aloe vera: le controindicazioni che è importante conoscere