Scopriamo come proteggere i tatuaggi dal sole e quanto è possibile esporli prima di avere dei problemi.

Con l’arrivo della bella stagione, chiedersi come proteggere i tatuaggi dal sole è più che normale.
È infatti risaputo, che un tatuaggio appena fatto non dovrebbe ricevere i raggi diretti del sole. Al contempo, però, questo è anche il periodo in cui si tende a tatuarsi di più e a trovarsi quindi davanti a questo annuale dilemma. Per fortuna le opzioni a disposizione sono diverse e basta prestare solo un po’ di attenzione per poter vivere il proprio nuovo tatuaggio con la massima serenità. Ecco, quindi, cosa è importante sapere per non commettere errori.

Tatuaggi appena fatti e raggi solari: come comportarsi

È ormai risaputo che un tatuaggio appena fatto se esposto al sole può risultare rischioso. L’intera zona è infatti particolarmente sensibile e può andare incontro ad infezioni anche importanti.

ragazza con tatuaggi
ragazza con tatuaggi

Inoltre, lo stesso tatuaggio ne risentirebbe perdendo in pigmentazione e rovinandosi anche in modo permanente. Per questo motivo, quando si ha in mente di tatuarsi è bene tenere a mente che per un certo periodo non si potrà andare al mare.

Riguardo a chi si chiede “dopo quanto posso esporre il tatuaggio al sole” la risposta è quindi almeno dopo un mese e sempre con le dovute attenzioni. Queste rientrano in una copertura solare totale con creme protettive che vanno da 50 in su e con indumenti di cotone, bandane o garze volte a coprire interamente la parte tatuata. Solo così si potrà contare su una pelle sana e su un tatuaggio da sfoggiare trascorso il periodo di protezione obbligatorio.

Altre norme da seguire per proteggere i tatuaggi

Detto ciò è importante tenere a mente che i tatuaggi rendono la zona circostante per sempre più delicata. Motivo per cui sarà sempre necessario proteggerli con le creme e, in caso di fastidi sulla pelle come senso di pizzicore durante l’esposizione, con indumenti o garze.

Inoltre è bene ricordare che il rischio con i raggi solari non è solo al mare ma anche quando si esce normalmente. Nelle giornate di sole, quindi, sarà sempre meglio proteggere l’intera zona tatuata con una crema protettiva. Cosa che in realtà andrebbe fatta su tutta la pelle esposta al sole in modo da proteggerla dai raggi ultravioletti.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 25-05-2022


Lichen vulvare: cause, sintomi e cura della malattia cronica

Bolle sulla pelle: cosa sono e come agire quando si presentano