L’autunno porta con sé i primi freddi e i primi malanni di stagione.

Le temperature rigide e gli sbalzi di temperatura possono giocarci brutti scherzi, come causare un’influenza o un più semplice (seppur fastidioso) raffreddore.

Una volta presa l’influenza dovremo avere pazienza… i sintomi ci faranno compagnia per alcuni giorni debilitandoci e costringendoci a rimanere a casa. Tuttavia tali sintomi possono essere trattati per velocizzarne la guarigione: sul mercato esistono molti farmaci e prodotti utili.

Ma quali utilizzare? Ecco alcuni consigli per voi!

donna con influenza

A cosa serve lo Zerinol?

Un consiglio che possiamo darvi in caso di febbre e influenza è quello di scegliere Zerinol per influenza e febbre, efficaci proprio nel trattamento degli stati di raffreddamento, influenzali e febbrili.

Come funziona Zerinol contro l’influenza?

Zerinol dunque è utile per contrastare rapidamente i sintomi di stati febbrili, influenzali e raffreddore. Il suo principio è il paracetamolo che con la sua azione analgesica è in grado di alleviare il dolore e quella antipiretica riesce ad abbassare la febbre. In più il paracetamolo viene assorbito rapidamente e raggiunge il picco del livello plasmatico in 30-120 minuti, venendo distribuito velocemente nei tessuti.


Inoltre Zerinol, oltre all’azione del paracetamolo, unisce quella della clorfenamina, uno degli antistaminici più utilizzati e in grado di alleviare la congestione nasale e i sintomi legati di infezioni alle vie respiratorie superiori.

La clorfenamina viene invece assorbita in maniera più lenta e il picco di massimo livello plasmatico si raggiunge tra le 2 e le 6 ore dopo la somministrazione orale.

Zerinol non è indicato per trattare la tosse e non può essere assunto in gravidanza e in allattamento.

Quando assumere lo Zerinol

Negli adulti il dosaggio di Zerinol consigliato è di 1 compressa 2 volte al giorno. Le compresse sono da assumere con acqua e sempre a stomaco pieno, dopo i pasti. Se dopo 3 giorni di assunzione i sintomi non migliorano e se la febbre persiste bisogna consultare il medico. In ogni caso non assumere Zerinol per oltre 3 giorni consecutivi senza aver consultato il medico.

Cosa mangiare durante l’influenza

Dopo aver visto quale farmaco da banco assumere per l’influenza, ecco alcuni pratici consigli. L’alimentazione è un alleato prezioso quando siamo alle prese con l’influenza e non va assolutamente sottovalutata. Per prima cosa, quando stiamo male perdiamo molti liquidi attraverso la sudorazione, quindi reintegrali è davvero fondamentali. Consigliamo di bere molta acqua, ad intervalli regolari e alla quale possiamo affiancare anche del tè verde, ricco di antiossidanti. Poi la classica spremuta di arance, o un anche un frullato di frutta, fonti di vitamine, giocano un ruolo importante per la nostra difesa.

E poi cosa altro bisogna mangiare?

Se stiamo affrontando diversi giorni di influenza, ci sentiremo anche molto stanchi e con poche forze. Abbiamo bisogno di ridare energia a tutto il nostro organismo attraverso l’assunzione di proteine semplici da digerire in modo da non appesantirci. E quindi preferiamo cibi come carne bianca, pollo e tacchino, con una cottura alla piastra; pesce, in particolar modo salmone, ricco di Omega-3 che favoriscono la salute cardiovascolare, riducono l’infiammazione e migliorano la funzione cognitiva del cervello.

Bisognerà anche rinforzare le difese immunitarie, quindi grande spazio alle vitamine del gruppo B come spinaci, banane, lenticchie e cereali.

In caso di tosse, il miele si rivela sempre un toccasana attenuando l’irritazione della gola.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 29-11-2021


Ugola gonfia: da cosa dipende, quali sono i sintomi e come agire

Orticaria colinergica: cos’è, come riconoscerla e come curarla