Cibo caduto per terra: si può mangiare lo stesso?

Il cibo caduto per terra si può mangiare lo stesso? C’è chi sostiene che debbano passare meno di 5 secondi e chi dice che non si possa più mangiare

Il cibo caduto per terra si può mangiare lo stesso? C’è chi sostiene che debbano passare meno di 5 secondi e chi dice che non si possa più mangiare! Spesso abbiamo sentito dire che studi, più o meno autorevoli, hanno sostenuto la validità della regola dei 5 secondi, secondo cui mangiare un cibo raccolto da terra che è stato a contatto col suolo per un breve lasso di tempo non comporta rischi per la salute.

Oggi però sfateremo un mito anzi forse più di uno! In realtà, si tratta di un detto senza alcun fondamento scientifico. E’ pur vero, però, che un alimento che resta per terra un minuto avrà maggiori probabilità di assorbire batteri rispetto ad uno rimasto sul pavimento per tre secondi. In un certo senso, quindi, questa sperimentazione che la regola dei 5 secondi è vera, perché più tempo il cibo trascorre a terra più aumenta il trasferimento di batteri, ma non tassativa.

Ma a fare la differenza sarebbe soprattutto il tipo di cibo che finisce per terra: un alimento secco (pane, biscotti, cioccolata, etc.) attira molti meno batteri di quanto non facciano i cibi freschi (formaggio, carne, uova, etc.): se decidiamo di mangiarli, questi cibi ci espongono più facilmente a streptococchi ed escherichia coli.

Parla la scienza

Ora una ricerca pubblicata su Science Daily sottolinea come la convinzione che questa operazione debba avvenire in 5 secondi sia errata. Può accadere infatti che la contaminazione avvenga in meno di 1 secondo.

Donald Schaffner, professore e specialista in scienza dell’alimentazione, ha pubblicato i risultati della sua indagine su Applied and Environment Microbiology.

“Noi abbiamo deciso di compiere una ricerca perché questa pratica è molto diffusa. Il soggetto può sembrare leggero ma noi volevamo che i risultati fossero sostenuti da una solida scienza”.

Ricevi gli ultimi aggiornamenti, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 18-11-2016

Licia De Pasquale