Capillari rotti sulle gambe, come eliminarli? I rimedi più efficaci

I capillari rotti sulle gambe sono molto frequenti nelle donne. Vediamo quali sono le cause principali, quali i rimedi e come eliminarli.

chiudi

Caricamento Player...

I capillari rotti sulle gambe sono un’inestetismo che colpisce tantissime persone, soprattutto donne. Oltre ad essere brutti a vedersi, sono anche sintomo di disturbi circolatori, per questo è importante intervenire al più presto.

Le cause possono essere varie, dall’uso della ceretta alla vita sedentaria. Scopriamole tutte e vediamo anche come eliminare i capillari rotti e prevenirne la ricomparsa.

Capillari rotti sulle gambe: le cause

Capillari rotti gambe

Come abbiamo anticipato, la rottura dei capillari può avere diverse cause, le principali sono:

  • il consumo eccessivo di alcolici e il fumo;
  • carenza di vitamina C;
  • pressione alta e problemi circolatori, tra cui insufficienza venosa cronica;
  • squilibri ormonali dovuti all’assunzione della pillola contraccettiva o alla gravidanza;
  • sovrappeso;
  • stress;
  • assunzione di alcuni farmaci, come corticosteroidi e antidepressivi;
  • utilizzo di fanghi riscaldanti o ceretta a caldo;
  • ereditarietà.

Capillari rotti: i rimedi migliori per prevenirli

Per prevenire la rottura di nuovi capillari è possibile utilizzare alcuni rimedi naturali, come creme erboristiche rinfrescanti e integratori a base ribes nigrum, rusco e vite rossa, che migliorano la circolazione.

Fondamentale è l’alimentazione, che deve essere ricca di alimenti contenenti vitamina C, E ed antiossidanti. È necessario fare movimento e camminare il più possibile a piedi, evitando di stare seduti troppe ore. Infine, in caso di fragilità capillare è sconsigliato l’utilizzo della cera depilatoria a caldo e di altri trattamenti estetici che generano calore.

Come eliminare i capillari rotti sulle gambe

I rimedi naturali possono prevenire la comparsa di nuovi capillari, ma non hanno grande effetto su quelli ormai rotti. Per eliminarli, l’unica soluzione è la fotocoagulazione laser, un intervento medico utile in presenza di capillari sottili.

Per i casi più gravi, in presenza di vene varicose, può essere necessario ricorrere alla scleroterapia, un altro trattamento medico più invasivo, con il quale si trattano le malformazioni venose.