Annona, il frutto: cos'è, i benefici e come usarlo in cucina

Un frutto che sembra gelato: alla scoperta dell’annona

Conosciuto anche per la sua consistenza che ricorda il gelato, l’annona è un frutto tropicale per metà italiano e per metà sudamericano.

«Il frutto che sembra gelato». Questo uno dei tanti appellativi che hanno dato all’annona (spesso conosciuta in italiano come cirimoia), un frutto per metà italiano e per metà sudamericano. Molto diffusa in Sudamerica, California e nel bacino del Mediterraneo (ma presente anche nei territori meridionali dell’Africa), l’annona è considerato un frutto molto pregiato. «Uno dei tre frutti più pregiati del mondo», secondo il botanico Berthold C. Seemann.

Nell’articolo di oggi andremo a scoprire di più su questo frutto particolare, analizzandone le caratteristiche principali, le proprietà benefiche e i suoi possibili utilizzi.

Le caratteristiche principali dell’Annona

L’Annona cherimola è una pianta appartenente alla famiglia delle Annonaceae. È diffusa in diverse parti del mondo, tra cui anche l’Italia. Nella penisola cresce principalmente al sud, in particolare in Calabria e sulla costa ionica.

Frutti annona
Frutti annona

La pianta, che produce il frutto protagonista di questo articolo, cresce fino a due metri di altezza e fiorisce durante la stagione estiva. Il frutto, maturo a partire da settembre, può essere raccolto in autunno fino a dicembre.

Di colore verde, i frutti sono ricoperti di squame. La polpa, ricca di semi neri (non commestibili), è di colore bianco crema. Il sapore è forte ma gradevole, con un retrogusto quasi acido. La consistenza cremosa: ricorda quella di un gelato.

Il frutto dell’annona: valori nutrizionali e proprietà

La polpa dell’annona, molto zuccherina, simile a quella di una mela, fornisce poco meno di 80 kcal per ogni 100 grammi.

Il contenuto di lipidi è molto basso, meno di un grammo ogni 100, così come quello di proteine: 1,6 grammi ogni 100. Più alto il contenuto di carboidrati e zuccheri: rispettivamente il 18% e il 13% del totale. La cirimoia ha anche un buon contenuto di vitamina C, circa 11 milligrammi.

L’annona è un frutto tropicale, apprezzata per il suo gusto che, sebbene relativamente acido, ricorda quello del mango. Oltre al sapore tropicale, la cirimoia gode anche di alcune proprietà benefiche. In particolare, contiene molti antiossidanti.

I suoi effetti antiossidanti derivano dalla presenza di un polifenolo: l’annonacina. È proprio quest’ultimo che aiuta a proteggere il sistema cardio-circolatorio, oltre che al sistema nervoso. Aiuta a controllare la pressione arteriosa e il livello del colesterolo cattivo nel sangue. Le proprietà antiossidanti sono inoltre sospettate di avere effetti antitumorali. Su quest’ultimo punto non si sono tuttavia prove scientifiche.

Utilizzi in cucina e controindicazioni

Esistono diversi modi di consumare il frutto dell’annona. Innanzitutto, se privato dei semi, può essere mangiato con un cucchiaino. Occorre tuttavia aspettare circa una settimana dalla raccolta per assumerlo.

Oltre ad essere mangiato naturalmente, il frutto può essere consumato come parte di insalate,macedonie e tanto altro. Può essere aggiunto a yogurt, frullati o dessert.

Sebbene possa avere effetti benefici, l’annona può avere anche alcuni effetti collaterali. Infatti, se consumato in quantità eccessiva potrebbe causare disturbi intestinali o neurologici. Evitare assolutamente in caso di allergie ai frutti tropicali.

ultimo aggiornamento: 09-06-2020