L’acido pantotenico, noto anche come vitamina B5, è una vitamina idrosolubile che va assunta con l’alimentazione. Scopriamo a cosa serve e dove si trova.

L’acido pantotenico è una delle vitamine delle quali il nostro organismo ha bisogno, noto anche come vitamina B5 o vitamina w non si accumula nell’organismo e tende a sparire ad alte temperature. Per questo motivo è necessario assumerlo quotidianamente attraverso l’alimentazione in modo da non andare incontro a carenze che potrebbero rivelarsi dannose per l’organismo.

Vitamina B5: a cosa serve

La vitamina B5 (o acido pantotenico) è utile per diversi motivi. Prima di tutto è coinvolta nella protezione di pelle e capelli. Inoltre aiuta a prevenire stati di stanchezza e spossatezza e contribuisce a cicatrizzare più velocemente sia le ferite più semplici che quelle più gravi come, ad esempio, le ustioni.

vitamina B5 alimenti
vitamina B5 alimenti

Indispenabile per il corretto funzionamento del sistema nervoso e delle ghiandole surrenali, si rivela fondamentale anche per uno sviluppo ormonale normale. Solitamente un individuo medio necessita di un quantitativo di vitamina B5 che va dai 4 ai 7 mg.

Al di sotto di questa soglia si va incontro a una carenza di vitamina B5 e i sintomi sono solitamente stanchezza sia fisica che mentale, irritabilità, disturbi del sonno, problemi gastrointestinali e dolore ai piedi. Al contrario, possibili eccessi vengono smaltiti normalmente con le urine.

Per fortuna, a meno di non abusare con l’alcol o di mangiare in modo sregolato, è difficile arrivare a carenze gravi di questa vitamina. La si può infatti trovare in diversi alimenti.

Vitamina B5: dove si trova

Come abbiamo già visto l’acido pantotenico si può introdurre facilmente attraverso l’alimentazione. Infatti, la vitamina B5 negli alimenti è piuttosto frequente. La si può trovare in particolare nelle verdure, nei legumi, nei cereali integrali e nella carne.

A seguire alcuni dei cibi che ne sono più ricchi:

– I tuorli d’uovo
– I legumi (come lenticchie e piselli)
– I funghi essiccati
– Le frattaglie
– La soia
– Il grano saraceno
– La crusca di frumento
– I latticini
Lo zenzero
– Il lievito di birra

Assumere la vitamina B5 attraverso gli alimenti è quindi molto semplice. In caso di dubbi o di carenze accertate si può inoltre chiedere l’aiuto di un nutrizionista per stabilire una dieta che ne sia ricca senza andare a sbilanciare l’introito dei vari macronutrienti.

salute

ultimo aggiornamento: 17-02-2021


Vitamina B12 negli alimenti: dove trovarla?

Reflusso gastroesofageo: i sintomi, le cause e la dieta da seguire